Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


TRIVIGNANO - Menarbin: movimento assopito che aspetta di risvegliarsi

Il presidente bianconero è intervenuto ai nostri microfoni nel corso dell'assemblea in occasione della rielezione di Ermes Canciani come presidente del Comitato regionale, tenutasi a Lignano Sabbiadoro: "Serve tornare alla normalità, ci dobbiamo provare noi presidenti ma anche chi ci rappresenta"

Verdetto deciso in partenza per quanto riguarda la rielezione di Ermes Canciani che sarà a capo del Comitato Regionale Figc per altri quattro anni, in quanto unico candidato alle elezioni tenutesi a Lignano Sabbiadoro. Nel corso dell'assemblea è intervenuto Matteo Menarbin, presidente del Trivignano da ormai un decennio, che si è espresso sul momento attuale difficile per tutti, soprattutto per il movimento calcistico dilettantistico: "Siamo alla terza assemblea, in un contesto molto più particolare rispetto alle precedenti. Siamo in una situazione paradossale, con un'assemblea in presenza in un periodo in cui ormai non è permesso quasi più nulla del genere. Sono contento di essere partecipe e di rivedere tanti colleghi con cui non ci vedevamo da tempo".

CANCIANI BIS - "Dò il mio consiglio per il futuro, che ho dato già prima pubblicamente: c'è una forte necessità di tornare alla normalità, che è stata distrutta da questa situazione pandemica. Ci dobbiamo provare in primis noi presidenti, ma senza la corretta rappresentanza ciò non è possibile. Mi aspetto dunque quattro anni di transizione, che iniziano in un momento difficilissimo ma devono portarci a ristabilizzare tutto il movimento, che ha bisogno di certezze e di cambiamenti. Canciani avrà tanto lavoro da fare quindi gli faccio un grosso in bocca al lupo. Con lui ho un rapporto schietto, sincero e leale. C'è rispetto reciproco e c'è sempre stato anche in momenti in cui avevamo opinioni divergenti, penso che questo sia alla base di tutti i rapporti".

CONCORRENZA - "Fa specie pensare che non ci sia stato un concorrente perchè bisognerebbe sempre avere una visione diversa da quella del predecessore. Tutto ciò non va a favore del movimento, a prescindere dal fatto che magari sarebbe stato rieletto Ermes Canciani".

MOVIMENTO - "Spero sia solo assopito. Ad oggi è stanco e deve riuscire a svegliarsi".

TRIVIGNANO - "Siamo in attesa di tempi migliori. Spero nel nome della socialità che ci manca, di poter tornare sul campo da calcio per rivedere un paesino piccolo come il nostro, passando due o tre ore di libertà, guardando un po' di sport, chiacchierando e bevendo un bicchiere di vino".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 09/01/2021
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,06584 secondi