Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

FIGC FVG - Premiato Godeas: «Ma l'importante è riprendere»

Ha segnato gol in tutte le categorie, dalla serie A alla Terza categoria il 45enne “ariete” di Medea. «Ringrazio il presidente Canciani per il pensiero. Adesso bisogna ritrovare la normalità con la forza del vaccino. Per l’attività fisica dei giovani soprattutto»

E’ stata una vera sorpresa per Denis Godeas riceve il premio dal Comitato regionale per aver, nella sua lunga e ancora attiva carriera, essere andato a rete in tutte le categorie del calcio, dai professionisti della serie A ai dilettanti in Terza categoria.

«Il presidente Ermes Canciani e Massimo Radina mi avevano invitato qui all’assemblea di Lignano quale ospite senza accennarmi alla reale motivazione. Mi ha fatto piacere ricevere questo riconoscimento e ringrazio il presidente per questo pensiero anche se l’importanza del giorno era la rielezione di Canciani e del suo staff. Ho segnato dappertutto? Sì, anche se a dir il vero mi manca il campionato Carnico – scherza Godeas -, l’importante adesso è riprendere quanto prima a giocare, soprattutto dopo l’arrivo del vaccino e soprattutto è importante riprendere per i ragazzi giovani che sono quelli che stanno soffrendo maggiormente in questo momento».

Godeas è uno dei responsabili giovanili della Triestina, società, come le altre, che cerca di star vicino ai propri tesserati e alle loro famiglie: «L’attività e gli allenamenti sono molto limitati, facciamo quel che possiamo. Sono speranzoso sul fatto che il vaccino possa essere la porta per rientrare nella normalità quanto prima. Come sarà la mia ripresa? Come a settembre, non ho mai smesso di allenarmi, anzi sicuramente sono più allenato adesso rispetto a quando si gioca. Ma non sono io il problema, sono i bambini e tutta l’attività di base penalizzata perdendo la normalità dell’attività fisica e dal mio punto di vista è una cosa drammatica. Ed è per questo che spero si possa riprendere quanto prima». (f.p.)

Foto Petrussi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

https://i.imgur.com/L3bHSkV.jpg


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 10/01/2021
Tempo esecuzione pagina: 0,10232 secondi