Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Gorizia


FIGC - Canciani: priorità assoluta alla riforma dei campionati

Le prime parole del neo rieletto presidente del Comitato Regionale: "C'è la possibilità di attuare una ripartenza ragionata, con impianti e chioschi aperti, ma dobbiamo aspettare il periodo adatto. Abbiamo tempo fino al 31 luglio"

Progetti ma non programmi, sono le parole d'ordine di Ermes Canciani, rieletto alla presidenza del Comitato Regionale nell'assemblea di Lignano Sabbiadoro. Verdetto importante ma tutto sommato scontato in quanto unico candidato: "Non era così facile segnare questo "rigore a porta vuota", perchè l'impegno più grande è stato quello di far arrivare un numero importante di persone qui a Lignano in questo periodo non semplice, arrivando al 75% di presenze. Questo dato fa capire che il movimento è ancora vitale e che ha necessità di confrontarsi e di riprendersi".

MANCANZA ALTERNATIVE - "Nello spirito della democrazia il contraddittorio è sempre positivo. Mi piace ricordare le parole del presidente Ventura che era il mio competitor in quel di Tolmezzo e che ha espresso parole di elogio nei miei confronti e di tutto il Consiglio Direttivo. In questo quadriennio ho messo tutto quel che potevo, dando massima copertura al territorio. Obiettivamente credo che la situazione che stiamo vivendo non abbia permesso di allestire nel territorio delle formazioni che potessero essere antitetiche alla mia. Pur avendo avuto sempre atteggiamenti concertati con la società, credo che abbia pagato il fatto di assumere delle decisioni da parte mia".

PROSSIMO QUADRIENNIO - "In questo momento parlare di programmi è sbagliato: non abbiamo la palla di vetro e non sappiamo quando finirà questa pandemia, nè tantomeno quando potremo rientrare in campo. In questo momento parliamo di progetto, che è formato da sei punti da affrontare immediatamente. Il primo è la rimodulazione dei campionati sia a livello dilettantistico che a livello giovanile. Andremo a proporre sempre di concerto con la società, una riforma che consenta loro di svolgere le attività in maniera più consona e redditizia".

RIPARTENZA - "Diversi presidenti di altri Comitati regionali hanno già indicato alcune date, io però non voglio illudere i tesserati ed i tifosi. Credo sia più consono dire che quando ci saranno le condizioni per riprendere a giocare con impianti e chioschi aperti, sempre ovviamente nella massima sicurezza, daremo la possibilità alle squadre di fare una breve preparazione di qualche settimana e ricominceremo le attività. Possiamo chiudere campionati e spareggi entro il 31 luglio e cercheremo di metterci a disposizione, anche perchè nel periodo estivo si potrà giocare anche nel tardo pomeriggio ed in turni infrasettimanali. Ad oggi, però, rimane una mera speranza".

CALCIO FEMMINILE E CALCIO A 5 - "Non avere dei candidati alla presidenza è un tasto dolente. Oggi ho voluto che fossero qui il presidente del tavagnacco,  Moroso ed il suo vice Bonanni che è il candidato alla Lega Nazionale Femminile, affinchè facciano da sprone per le nostre società per puntare al "calcio rosa". Uno dei nostri progetti è di allestire una squadra pulcini ed esordienti in ogni squadra di Eccellenza e Promozione, da lì bisogna partire per far decollare questo movimento. Ce la stiamo mettendo tutta. Per quanto riguarda il Calcio a 5 è una situazione paradossale, abbiamo cinque squadre in B e nove in C, anche in questo caso però c'è un problema da affrontare: pensare ad un rinnovamento. Abbiamo atleti in là con gli anni, troppi stranieri e dobbiamo avvicinare al calcio a 5 i giovani, perchè ci si diverte anche più del calcio a 11".

FLAVIA DANELUTTI - "Con lei ho ancora ottimi rapporti ma ho fatto una scelta volta ad un rinnovamento a quella che è la delegazione di Tolmezzo che ha vissuto traversie incredibili. Ho cercato e cercherò di dare un segnale di rinnovamento per dare stimoli ed incentivi. Con lei i ragionamenti non sono chiusi ed avrà altri incarichi nella Federazione. E' stata nominata candidata assembleale Silvia Contardo, abbiamo mantenuto comunque invariate le quote rosa. Non bisogna fare discorsi sessisti, ma far prevalere le abilità e le competenze, in questo senso Flavia Danelutti non è stata bocciata ma avrà solo compiti diversi rispetto al passato".

TOLMEZZO - "Non è stato individuato il nome del successore di Corti e non sappiamo se ci sarà. Abbiamo qualche criticità sul comitato di Tolmezzo ed ora dovremo trovare un nome per la delegazione di Trieste. Renato Damiani è uno dei nominativi che escono dalle discussioni, conosce il Carnico meglio di chiunque altro ed ha dato tantissimo al mondo del calcio quindi può essere tra i papabili".

FUTURO - "Dopo questo mandato penso che mi fermerò. Ho lavorato tanto in questi anni e spero di poterne fare altrettanti, è giusto che ci sia un ricambio generazionale. Se ci saranno condizioni in futuro per fare qualcos'altro le valuterò, ma diversamente è giusto passare il testimone. La pandemia ci ha dato tanti insegnamenti, uno dei più importanti è di goderci il presente senza preoccuparsi troppo per il futuro perchè quella che stiamo vivendo è una vera e propria guerra".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

https://i.imgur.com/bmulmg7.jpg

https://i.imgur.com/VhNZAC3.jpg

https://i.imgur.com/dbgAbGE.jpg

https://i.imgur.com/W7TIlUN.jpg


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 12/01/2021
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,08484 secondi