Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


IL PERSONAGGIO - Narduzzi, un presidente è... per sempre

Da sessant’anni nel calcio: nove come vice e 51 da primo dirigente del Caporiacco, unico amore calcistico. “Ne ho viste tante: Martini miglior presidente, ma anche Canciani sta facendo bene. Il campo di proprietà ? E’ del paese. Acquistai il terreno per 170 lire al metro quadro…”

Sessant’anni di calcio e dentro il calcio. E se Narduzzi è il Caporiacco, il Caporiacco è Narduzzi. All’anagrafe Severino Carlo. Sono già sessant’anni d’ amore, incondizionato e reciproco. Una storia bellissima: il capitolo più esaltante l’ascesa in Promozione, con Gabriele Pecile in panchina. Adesso è Terza Categoria, il girone degli ultimi ma, non per questo, meno dignitosi. “Estorcere” un’intervista ad un uomo tutto d’un pezzo, che nemmeno il destino ha piegato - è sopravvissuto, nel dicembre 2004, ad un bruttissimo incidente stradale - e che ha sempre privilegiato i fatti alle parole, è un’impresa titanica: noi, comunque, ci abbiamo provato.

“Ho fatto nove campionati da vice e, al momento, sono ben 51 da presidente - ricorda Narduzzi con il giusto orgoglio - in tutto sessant’anni, volati via velocemente. Al Caporiacco ho dato tanto ma, a livello umano, anche ricevuto.”

Ricevuto come il premio “alla carriera” assegnatole sabato scorso a Lignano Sabbiadoro dalla Figc.
“Scusate l’immodestia, ma non è il primo: ricordo infatti quello che mi consegnò il grande Artemio Franchi a Roma. Ringrazio, comunque, per il pensiero".

Una dedica speciale?
“Non può che essere per la mia famiglia, che mi ha sempre seguito e spalleggiato".

Presidente, ma quante bistecche hanno divorato in questo mezzo secolo abbondante i suoi giocatori?
“Non solo, mettiamoci pure le pastasciutte…A casa ho addirittura una stanza riservata alla squadra: chi viene ad indossare la nostra maglia, sa che questo è il trattamento".

E il campo di proprietà? Mica roba di tutti.
“Acquistai il terreno per 170 lire al metro quadro e, quando fu il momento, lo allargammo a tempo di record. A me piace dire che sia del paese…E non passa giorno che io non faccia una verifica all’impianto".

Nella sua carriera non si è fatto mancare nulla, nemmeno il maledetto virus.
“Avevamo giocato soltanto una partita, poi è stato giusto fermarsi: vedremo se e quando riprenderanno quei riti che ci mancano tanto. Abbiamo allestito una squadra giovane, era l’unica strada. Perchè qui spese pazze non se ne fanno più: ho già speso tanto in passato. E mio figlio Roberto (il vulcanico direttore sportivo, ndr) lo sa bene".

Lei ha visto “transitare” tutti i presidenti regionali. Una classifica?
“Difficile. Però, a parte Diego Meroi, che ha fatto storia a sé (34 anni al vertice, ndr), credo che Mario Martini sia stato il migliore. Ma anche Canciani ha fatto e farà bene". (r.z.)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

https://i.imgur.com/zqjlEsY.jpg


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 21/01/2021
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,07018 secondi