Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


ECCELLENZA - Zanello: servono rispetto, buon senso e pazienza

Il presidente del Lumignacco: "Di fronte a così numerosi lutti e sofferenze tutto il resto, calcio compreso, arriva dopo. La speranza è di ricominciare il prima possibile, ma solo quando la situazione si sarà davvero normalizzata e i rischi saranno stati contenuti al minimo"

https://i.imgur.com/A5sD54I.jpg

L'emergenza virus è ben lunghi dall'essere domata, specie in Friuli Venezia Giulia. E il ritorno all'attività calcistica del movimento dilettantistico e giovanile si allontana, mentre cresce la voglia di tornare a una "normalità" che però è tutta da conquistare. Il presidente del LumignaccoAndrea Zanello, si astiene dal formulare pronostici e proposte; il massimo dirigente rossoblù sottolinea: "Se durante la prima ondata i casi erano stati relativamenti pochi, ora sono numerosissime le persone più o meno vicine colpite dal Coronavirus e, alcune, sono addirittura venute a mancare... Di fronte a lutti, sofferenze, difficoltà di salute ed economiche bisogna avere il massimo rispetto e, sicuramente, le priorità non possono essere il calcio o andare a sciare. E' ovvio che si vorrebbe che tutto questo terminasse, e chi per anni e anni ha vissuto con passione i riti calcistici, la partita della domenica, lo stare assieme, la gioia per una vittoria o l'amarezza per una sconfitta, in cuor suo spera che l'attesa finisca il prima possibile. Ma i sogno sono una cosa, la realtà un altra, da affrontare cercando di utilizzare il buon senso e la necessaria pazienza: solo quando la situazione sarà davvero sotto controllo e i rischi contenuti al minimo, sarà possibile ricominciare l'attività agonistica. E, ripeto, senza mai dimenticare cosa è accaduto". 
Al Lumignacco, quindi, tutto si è fermato nell'attesa che la tempesta termini: "Ai ragazzi è stato dato un programma di allenamento individuale, ci siamo attenuti rigorosamente alle disposizioni, alle regole e all'indispensabile buon senso. Speriamo che quest'incubo finisca il prima possibile". 

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 21/01/2021
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,06305 secondi