Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Pordenone


SERIE D - Sut: "Troppo molli in avvio. Questa sconfitta è un guaio"

Il Chions parte col freno a mano tirato, e l'Ambrosiana ne approfitta chiudendo il primo tempo avanti 3-1. La fase difensiva di Rossitto va registrata, gli sprazzi di fiducia giungono da un attacco che continua ad andare a segno...

E' dura da digerire la sconfitta interna di oggi per un Chions che ha "toppato" proprio la gara da non sbagliare, quella contro la baby Ambrosiana. Il 2-3 del Tesolin brucia e desta preoccupazione in seno al club del presidente Bressan. Lo ribadisce anche il dg Gianpaolo Sut: "Non dovevamo perdere questa gara, l'approccio è stato molle, i primi 20' sono da dimenticare, poi ci abbiamo provato, ma anche gli episodi non sono girati dal verso giusto. Però stavolta dobbiamo recitare il mea culpa, i gol subiti sono stati frutto di errori individuali, di disattenzioni; oggi l'assenza di Pralini in difesa si è fatta indubbiamente sentire" aggiunge il dirigente dei crociati. E, in effetti, i 12 gol subiti nelle ultime 4 uscite testimoniano che qualcosa da registrare in chiave difensiva ci sia. Gli sprazzi di speranza giungono da una fase offensiva che, invece, continua a funzionare egregiamente: contro l'Ambrosiana sono andati a segno gli attaccanti Urbanetto e Valenta, la squadra fino alla fine ha attaccato e creato situazioni pericolose, si pensi al sinistro di Cavallari che in extremis avrebbe potuto, se esploso con precisione, produrre il 3-3. 
Il sapore lasciato dallo scontro diretto perso sul campo amico è comunque terribile: "L'Ambrosiana era una squadra alla nostra portata, è difficile capire perché abbiamo iniziato la partita in quel modo, e dire che mister Rossitto per tutta la settimana aveva sottolineato i rischi del match e l'importanza della posta in palio. Onore comunque ai veronesi, che hanno usato le loro armi, l'agonismo, la corsa, le ripartenze... Adesso dobbiamo assorbire la mazzata e lavorare a testa bassa perché il campionato è ancora lunghissimo. Mi auguro che la vittoria arrivi presto perché ne abbiamo veramente bisogno". 

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 16/01/2021
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,07077 secondi