Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Pordenone


PORDENONE - Attenti ai lupi! Vogliacco forse, out Pasa e Bassoli

A caccia della quarta vittoria di fila per entrare in pianta stabile nei playoff. Cosenza in emergenza, ma sarà vietato sottovalutare la truppa di Occhiuzzi



Sarà una delle trasferte più lunghe dal punto di vista chilometrico per il Pordenone di Attilio Tesser sul campo del Cosenza. Una gara attesa nell’entourage neroverde per provare a dare continuità alla serie positiva e guadagnare in pianta stabile una posizione nella griglia playoff. La vittoria sul Venezia ha significato ottavo posto, ultimo utile per salire sul vagone post campionato, con una sola lunghezza di margine sul Frosinone e due sui lagunari. Una posizione da consolidare evitando gli alti e bassi di inizio campionato e il test contro i lupi calabresi appare come uno snodo cruciale in vista del girone di ritorno. I rossoblù di mister Occhiuzzi sono rimasti l’unica formazione cadetta a non aver ancora vinto sul proprio campo, dove hanno raccolto solo cinque pareggi e quattro rovesci. Per contro i ragazzi di Tesser in trasferta sono secondi a pari merito con il Lecce per punti raccolti (15) frutto di 4 scorribande e 3 pareggi. Due soli i rovesci coincisi con le trasferte di Cittadella e Pisa.
A questi raffronti va aggiunto la tradizione favorevole che ha visto i pordenonesi nei due precedenti  giocati allo stadio San Vito – Gigi Marulla, uscire con un pareggio (0-0 in serie C) e una vittoria (2-1 lo scorso anno). Se i presupposti sono favorevoli, non bisogna però dimenticare che la compagine avversaria ha fin qui sempre disputato delle ottime gare, raccogliendo a volte molto meno di quello seminato. L’arrivo di Tremolada, proveniente proprio dal Pordenone, mette ulteriore sale ad un match molto atteso.
Molte le defezioni in casa cosentina con le assenze per squalifica di Petrucci, Sciaudone e Kone, ma anche Tesser dovrà rinunciare a Bassoli e Pasa, oltre al lungo degente Gavazzi nemmeno partiti, con Vogliacco aggregato alla comitiva, ma con allenamenti differenziati nelle ultime sedute.
L’ultimo successo stagionale del Cosenza risale al 15 dicembre dell’anno scorso, quando i rossoblù espugnarono il Del Duca di Ascoli: 3-0. Da allora hanno perso a Cremona (0-1), hanno pareggiato al Marulla con Venezia (0-0) e Pisa (1-1) e all’Adriatico con il Pescara (0-0), e perso ancora in casa con l’Empoli (0-2).
Tesser dovrebbe schierare dal primo minuto Perisan tra i pali, con Falasco, Berra, Barison e Camporese nella difesa a 4. A centrocampo Calò dovrebbe essere affiancato da Magnino e Scavone, con Mallamo trequartista e Diaw e Ciurria di punta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Print Friendly and PDF
  Scritto da Gianpaolo Leonardi il 22/01/2021
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,09669 secondi