Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Pordenone


SERIE B - Altamarca frenata, ringrazia Chiuppano. Maccan e Maniago ko

La capolista costretta al pari dall’Hellas, sente il fiato dei rivali per la leadership del girone. Sabato in chiaroscuro per le regionali. Neroverdi e amaranto sorridono, City, Prata e i biancoverdi di Polo Grava masticano amaro

Il turno di sabato, l’ultima di andata, ha visto chiudersi in parità, 1-1, la sfida più importante per il titolo, quella tra Verona e Sporting Altamarca.  A Manzano, campo per questa stagione dell’Udine City, il Pordenone prosegue il filotto, portando a 5 le vittorie consecutive consolidando il terzo gradino del podio. Break decisivo per il team del presidente Alessandro Onofri nel primo tempo, quando la sua squadra ha messo in difficoltà il City con una manovra corale, briosa e ricca di spunti. Il gol del vantaggio su una punizione sporcata di Grzelj dopo che Tomasino in precedenza aveva blindato eccelsamente la porta. Il raddoppio è una perla in rovesciata di Grigolon per lo 0-2 dell'intervallo. Nella ripresa la squadra di Pittini prende campo e misure e ribatte colpo su colpo, ma manca lo spunto vincente con la difesa ospite che chiude bene tutti i varchi. La gara ha un sussulto nel minuto finale, quando con un'azione caparbia finalizzata da Guidolin, i bianconeri dimezzano lo svantaggio regalando 50" da brivido, ma Pordenone rinserra i ranghi e porta a casa i tre punti.
Bel colpo del Palmanova  in quel di Vazzola in chiave salvezza, inizio in salita per il gol di Zecchinello, ma mister Criscuolo trova subito le giuste contromisure  e con Sluga, Contin e Kikelj va al riposo avanti 3-1. Un po' di apprensione nella ripresa con il Miti che carica a testa bassa ma gli amaranto, ancora col duo Sluga e Contin tengono a debita distanza i veneti, ai quali non bastano altre due reti di capitan Zecchinello. Alla fine il tabellone indica il 3-5 che permette al Palmanova di salire in zona salvezza e soprattutto di ricaricare le pile in vista anche del derby di martedì con Pordenone.
Brutta battuta d'arresto per il Maccan, segna il passo con un Sedico che, come avevamo anche noi anticipato, ha cambiato pelle nelle ultime settimane.  In 8' la squadra ospite manda all'inferno Prata con Vitinho, Khouch e Ed Raji. Buriola al 13' prova a riaprila ma è un fuoco di paglia, Sedico mette il turbo e con una doppietta di Gabriel e ancora Vitinho allunga sull'1-6 mentre al riposo si va sul 2-7 con il botta e risposta nell'ultimo minuto tra Chavez e Cleber. Nella ripresa Maccan non riesce a trovare il bandolo della matassa con Sedico che amministra la gara. I gol di Cleber e Chavez valgono solo per i fini statistici.
Maccan scivola al quinto posto agganciato in classifica dalla Canottieri Belluno che regola per 3-0 il Maniago. Senza il duo sloveno Kamencic - Kovacic comunque la truppa di Polo Grava gioca una  bella partita, al riposo va sotto solo con un tiro libero trasformato da Savi al 15'. Nel secondo tempo in apertura Gheno raddoppia, Maniago prova con orgoglio a farsi sotto, ma i bellunesi si confermano con una difesa granitica e sui titoli di coda ancora con Ghena chiudono la sfida sul 3-0 finale. 
Ricordando che la gara Rovereto-Cornedo è stata rinviata per Covid tra i trentini, sugli altri due campi teneva banco il big match tra Verona e Sporting Altamarca. Si ferma a 11 la striscia di vittorie consecutive della capolista che va al riposo in vantaggio grazie ad una pennellata di El Johari, i gialloblu scaligeri nella ripresa  pervengono al pareggio grazie a Manzali, ma non riescono a mettere la freccia. Mezzo passo falso pesante per Milella e soci che restano lontani dalla vetta, due gare in meno rispetto all'Altamarca ed un ipotetico -6 dal vertice.
Un pareggio molto gradito dal Chiuppano il quale ora invece mette nel mirino la leadership sbancando il campo del Giorgione per 1-4. In avvio la sbloccano i padroni di casa con un destro di Cerantola, poi esce la classe "carioca" degli ospiti e con Botia Galiano, Lari, De Aguilar e ancora Lari servono il poker e lanciano il guanto di sfida all'Altamaarca che martedì sera, nel turno infrasettimanale, sarà di scena proprio a Chiuppano.
Derby regionale anche a Palmanova dove invece è atteso Pordenone; avversario tosto per il Maccan Prata che se la vedrà con il Verona mentre Maniago ancora in viaggio in quel di Sedico. Einviata, manca l'ufficialità che arriverà lunedì dalla Lega, la sfida tra Rovereto, ancora in quarantena e Udine City.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 24/01/2021
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,08383 secondi