Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


SERIE A - Vacanze romane, Udinese schiantata

Giornata infelice per i bianconeri, comodo “pasto” per i giallorossi, a segno due volte nel primo tempo (doppietta di Veretout) e nel finale (con Pedro). La formazione di Gotti non conclude praticamente mai in porta

ROMA - UDINESE   3 - 0
Gol
: 5’pt e 25’pt (rigore) Veretout, 48’st Pedro

ROMA: Lopez, Mancini, Cristante, Ibanez, Karsdorp, Veretout (33’st Pedro), Vilar, Spinazzola (43’st Bruno Peres), Pellegrini (43’st Diawara), Mkhitaryan, Mayoral (23’st Dzeko). A disposizione: Mirante, Cerantola, Santon, Fazio, Pastore, Perez, El Shaarawy.  Allenatore: Fonseca.

UDINESE: Musso, Bonifazi, Nuytinck, Samir, Stryger Larsen (17’st Molina), De Paul, Walace (40’st Nestorovski), Arslan (29’st Makengo), Zeegelaar (29’st Ouwejan), Llorente (17’st Okaka), Deulofeu. A disposizione: Scuffet, Gasparini,  Braaf, Micin, Becao, De Maio. Allenatore: Gotti.

ARBITRO: Giacomelli di Trieste. Assistenti: Tegoni e Schirru. Quarto uomo: Manganiello. Var: Banti Avar: De Meo.

NOTE: partita a porte chiuse. Giornata soleggiata ma fredda, terreno in buone condizioni. Ammoniti: Veretout, Pellegrini. Angoli: 7 - 2 per la Roma. Recupero: 2’ + 5’.

ROMA. Se era la gara di un possibile cambio di marcia, di un ipotetico salto di qualità beh, pregasi ripassare: l’esame è stato fallito. Una vera e propria scena muta: al cospetto di una Roma che, se contro le pari grado è regolarmente uscita tritata, al cospetto delle meno blasonate raramente ha sbagliato il colpo. L’Udinese? Non pervenuta. Dopo quattro gare utili di fila, arriva una sconfitta pesante, figlia di un atteggiamento totalmente sbagliato: prima sul piano psicologico e dell’atteggiamento (nemmeno un’ammonizione...) che su quello tecnico - tattico. Dove, soprattutto nel primo tempo, è mancato quasi completamente l’equilibrio tra i reparti. Peccato davvero: anche perché, con una classifica serena, dalla banda Gotti era lecito attendersi qualcosa di diverso. Andrà meglio domenica prossima a Parma ? Peggio di cosi sarà difficile…

LA CRONACA. Fioccano due angoli per una Roma affamata, desiderosa di sbloccare subito la situazione. E, infatti, al 5’ i giallorossi sono avanti: sul preciso cross di Mancini, Veretout ruba il tempo a Stryger Larsen e, per Musso, non c’è scampo. E al 12’ il portiere deve salvare di piede su conclusione diagonale del francese: tutto nasce da una giocata “leggera” di Walace che si fa borseggiare la palla, innescando la ripartenza giallorossa. Al 14’ si affaccia l’Udinese: “spizzata” di Llorente per Deulofeu, che imbecca De Paul. Spinazzola legge ottimamente la situazione e rimedia. Al 19’ gli ospiti si salvano da una situazione scabrosa: è Stryger Larsen ad immolarsi su Ibanez. Al 24’ contatto Musso - Mkhitaryan con la palla a viaggiare oltre la linea di fondo: per Giacomelli è rigore. Dal dischetto Veretout si conferma esecutore infallibile. E alla mezzora il “discusso” fischietto triestino evita ai friulani il terzo schiaffo: Pellegrini imbuca di piatto destro ma, in precedenza, Mkhitaryan commette un netto fallo, timbrando la caviglia di Stryger Larsen. Breve “on field review” e rete annullata. Nonostante lo scampato pericolo Nuytinck e compagnia non riescono a ribellarsi, chiudendo la prima frazione senza lo straccio di un solo tiro nello specchio della porta.

Nessun cambio e timidi segnali di Udinese in avvio di ripresa: Mayoral perde palla nei pressi della propria area, Deulofeu potrebbe approfittarne, ma il rasoterra è un “belato” che non impensierisce Lopez. Minuto 12’: De Paul ritrova parziale efficacia, costringendo Pellegrini al fallo (e al giallo), ma la battuta sul calcio piazzato è leggermente imprecisa. Scavallato il quarto d’ora entrano Molina e Okaka, mentre se ne vanno Stryger Larsen e un deludente Llorente. Si riaccende all’improvviso la Roma al 20’: Spinazzola, sempre lui, innesca Pellegrini, il cui colpo di testa termina di poco a lato. Fonseca intanto, rispolvera il ribelle Dzeko e il bosniaco chiama subito Musso alla (non trascendentale) parata. Al 25’, però l’Udinese butta via la grande opportunità di riaprirla: Cristante regala, Deulofeu si fa ipnotizzare da Lopez in uscita ma, dopo l’intervento del portiere, De Paul sbaglia la misura del pallonetto. Segue altra doppia sostituzione “ruolo per ruolo” in casa friulana: se Makengo cambia Arslan, Ouwejan va ad occupare la corsia di Zeegelaar. Ancora De Paul in evidenza al 32’: anche stavolta, però, la precisione non p di casa. Nestorovski è l’ultima idea per tentare di cambiare il destino. Che riserva, invece, la terza rete giallorossa: Mkhitaryan si appoggia a Dzeko, che ripulisce a favore del neo entrato Pedro. Cuoio nel sette e tutti a casa.
LE PAGELLE. Musso 5,5, Bonifazi 5,5, Nuytinck 6, Samir 6, Stryger Larsen 5, De Paul 5,5, Arslan 5,5, Walace 5, Zeegelaar 5, Llorente 4,5, Deulofeu 6, Okaka 5, Molina 5,5, Ouwejan sv, Makengo sv, Nestorovski sv, Gotti 5 (r.z.)

FotoTwitter As Roma

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 14/02/2021
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,08220 secondi