Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Trieste


PRIMAVERA - La Triestina scivola, il Legnago assaggia la vittoria

Un rigore dubbio a poco dall’intervallo apre la strada ad un brutto pomeriggio per la formazione guidata da Michele Campo. «Non sono soddisfatto, il campo ristretto ci ha penalizzato. Il rigore? Per noi era dubbio»

LEGNAGO  - TRIESTINA   2 - 1
Gol: 45' Melaca su rigore; 2' st Ferraro, 40' Valente su rigore

LEGNAGO: Maimihai, Cecchetto, Moracchiato (2' s.t. Alberti), Salvato, Sartori, Ferraro, Maneo (38' p.t. Vukovic), Barotto (2' s.t. Mariotto), Melaca (17' s.t. Berini), Albertini (17' s.t. Pasini), Gugole. All.: Montorio

TRIESTINA: Rossi, Randò (28' s.t. Lapel), Zanchetta (6' s.t. Ferrato), Boschetti, Asprella, Nicoletti, Valente, Meti (28' s.t. Catania), Lanzillo (42' p.t. Casì), Corrente (6' s.t. Dini), Latella. All.: Campo

ARBITRO: Atanasov di Este.

CASALEONE - Un Legnago grintoso e più a suo agio sul terreno dalle misure un po' meno ampie per le abitudini ospiti ha rispedito la Triestina a casa senza premi, ottenendo la sua prima vittoria in ambito professionistico tra le varie squadra giovanili del club biancazzurro.

A fine primo tempo i padroni di casa sbloccano il punteggio su calcio di rigore alquanto dubbio. Il tutto nasce da una palla persa dal centrocampo triestino, sul lancio in profondità l’alabardato Astrella entra in contatto con l’avversario all’ingresso dei 16 metri che ruzzola a terra. Per l’arbitro è rigore trasformato da Melaca.
Ad inizio ripresa il Legnago raddoppia al 2’ con l’incornata di Ferraro, lasciato libero sul primo palo di girare a rete un pallone proveniente dalla bandierina. La Triestina non si perde d’animo e dimezza il gap al 40’ sempre su penalty, concesso per un mani garibaldino in area. Dagli undici metri Valente fa centro, ma non basta per evitare la sconfitta. 

«Non sono soddisfatto per l’andamento della partita, abbiamo riscontrato delle difficoltà su un campo di dimensioni ridotte – spiega mister Michele Campo – e alla maggior fisicità degli avversari. Secondo noi il rigore fischiatoci contro è molto dubbio, non sembrava esserci azione fallosa. Subìto il raddoppio su nostra disattenzione, abbiamo reagito nel secondo tempo riuscendo solo a dimezzare lo svantaggio. Dobbiamo migliorare alcuni aspetti».  

«E' stata una giornata veramente particolare – afferma laconicamente il dirigente triestino Luciano Crevatin -, ce ne sono capitate di tutti i colori».

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 28/02/2021
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,07652 secondi