Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


PORTIERI - La scuola di Cortiula e Grendene non si è fermata

Allenamenti avanti tutta ma con grande attenzione alla sicurezza e salute degli atleti. Tra i quali spicca Simone Del Mestre, asso del beach soccer e estremo difensore di vaglia



Nonostante il periodo buio che ha colpito molti comparti produttivi, dei servizi e le attività sportive, la Scuola Portieri Cortiula Grendene ha continuato gli allenamenti individuali nel pieno rispetto delle misure anti Covid ed in piena sicurezza per tutti i ragazzi che partecipano alle sedute. In quest’ottica, pur mantenendo le disposizioni necessarie, la Scuola sta valutando la possibilità di svolgere il camp-estivo specifico per portieri (per informazioni è possibile scrivere a [email protected] oppure telefonare al 335-7327617).
Fra i frequentatori della Scuola spicca un numero uno molto speciale ed anche molto conosciuto in regione. Si tratta di Simone Del Mestre, portiere della Nazionale di beach soccer e con all’attivo diverse maglie importanti.

Del Mestre, come mai ha scelto la Scuola Portieri Cortiula Grendene per i suoi allenamenti?

"Sono due nomi che richiamano professionismo, il calcio quello vero – ha spiegato Simone -. Ho avuto la fortuna di lavorare già un'intera stagione con mister Grendene a Gorizia, dove ho potuto apprezzarne la professionalità, la preparazione, le tecniche di lavoro e mi sono trovato benissimo".

Si tiene allenato per impegni prossimi anche se non ancora calendarizzati? C’è qualche spiraglio all’orizzonte rispetto alla ripresa del beach soccer?
"A dir la verità avevo staccato un po’ la spina in questo ultimo periodo. Il lavoro, il buio, le temperature, le palestre chiuse e la voglia di stare in famiglia per recuperare un po’ del tempo che ho perso durante questi 14 anni tra beach soccer e calcio mi hanno fatto tirare un attimo il freno a mano. Era ora di riprendere condizione e quella porta che sì, mancava. Con la Nazionale dovremmo ripartire ad aprile per preparare una stagione nella quale c'è il Mondiale da giocare ma prima da raggiungere attraverso le difficili qualificazioni europee.  periamo si possa ripartire presto e in sicurezza, un'altra stagione senza il beach sarebbe per me una grossa mazzata’.

https://i.imgur.com/vGsWcJR.jpg

https://i.imgur.com/tmbvKGK.jpg


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 01/03/2021
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,07400 secondi