Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Trieste


TRIESTINA - Si contano gli assenti. Lepore: pronti alla battaglia

Nuovamente al “Rocco” gli alabardati cercheranno il bis dopo Carpi. Arriva il temibile Padova, formazione più prolifica del girone in trasferta. L’esterno: «Dobbiamo stare molto attenti, ma noi siamo molto propositivi con una rosa di qualità». Il jolly patavino Curcio: «Inseguiamo un traguardo importante, servirà una grande prestazione»

La Triestina torna a giocare dopo aver saltato un giro causa Covid e lo farà, ospitando il Padova sabato alle 20.30 in diretta su Raisport ed Elevensports nonché su Radio Attività (sia in streaming sul sito internet dell'emittente radiofonica sia alla radio ma in quest'ultimo caso solo a Trieste). Si tratta della 15ª giornata del girone di ritorno della serie C e la gara del “Nereo Rocco”, valevole per il girone B, sarà diretta da Mario Cascone di Nocera Inferiore con il supporto dei guardalinee Marco Ceccon di Lovere e Cosimo Cataldo di Bergamo nonché del quarto ufficiale Adalberto Fiero di Pistoia. Con Cascone la compagine giuliana ha quattro precedenti (un successo, due segni “X” e un passo falso), mentre i biancoscudati non lo hanno mai avuto a livello di prima squadra (solo la Primavera lo ha incrociato).

I padroni di casa avevano inanellato 12 risultati utili consecutivi prima del rinvio della trasferta di San Benedetto del Tronto; un filotto fatto di cinque vittorie e sette pareggi. Non avranno a disposizione i positivi al covid (tra i giocatori il regista Giorico nonché Procacco peraltro infortunato, quel Brivio finito in panchina dopo l'arrivo di Lopez e il “dimenticato” Filippini). Poi ci sono la squalifica di capitan Lambrughi (giocherà perciò il duo Ligi – Capela al centro della retroguardia), gli acciaccati Petrella, Struna e Paulinho (per il brasiliano si deciderà nella giornata della gara se portarlo in panchina dopo tanti mesi per farlo riambientare simbolicamente) nonché il mai convocato portiere Ioime per problemi di aritmia. Il centrocampista Calvano, dal canto suo, è acciaccato, ma sarà a disposizione dopo essere uscito anzitempo nell'ultimo incontro disputato. I veneti, che sono la squadra più prolifica in trasferta del raggruppamento (e la seconda in casa alle spalle del Perugia), non avranno Pelagatti (fermato dal giudice sportivo), Nicastro e Cissè, mentre Paponi c'è, ma non al 100%.

Così l'esterno destro rossoalabardato Francesco Lepore: «Dovremo stare molto attenti, farci trovare pronti a una battaglia. Intanto finalmente è arrivata la vittoria (contro il Carpi, ndr), siamo molto contenti per questo. Personalmente ho visto la squadra molto propositiva, abbiamo avuto il possesso-palla nel primo tempo e abbiamo provato a segnare, nella ripresa poi c'è stato forse un calo e abbiamo concesso un paio di occasioni, ma siamo riusciti a portarla dalla nostra parte».
E ancora: «Noi acquisti di gennaio abbiamo cercato di portare il nostro contributo e con il passare del tempo la conoscenza è migliorata. La rosa ha qualità, ci sono tutte le condizioni per fare bene a Trieste. C'è la voglia di andare su e se non ce la faremo quest'anno, ci proveremo sicuramente il prossimo. In ogni caso vedo determinazione, carattere e attaccamento nella nostra rosa, sono cose importanti. Anche perchè pure questa è una stagione particolare (riferimento al coronavirus, ndr) e avere entusiasmo è una base preziosa. Ai play-off si va a giocare su campi difficili, tutte le avversarie sono ostiche e perciò bisognerà essere bravi a dare tutto. Ha ragione il nostro mister nel dire che sotto porta dobbiamo essere più cinici nel concretizzare le occasioni. Abbiamo le capacità per farlo ed allora dobbiamo migliorare questo aspetto. Per quanto mi riguarda, mi sento bene e curo dettagli come anche l'alimentazione. Tutto conta per rendere bene».

Tra le fila del Padova, invece, il jolly Felipe Curcio afferma: «C’è grande entusiasmo, sappiamo che stiamo inseguendo un traguardo importante che vuole la società e che vogliamo tutti noi. Vogliamo giocarcela con la consapevolezza che non sarà facile e portare l’inerzia dalla nostra parte. Quando entriamo in campo, sappiamo quello che dobbiamo fare e inseguiamo il nostro obiettivo. Voglio dare tutto per questa squadra e questo obiettivo. Il rigore col Ravenna? Dovevo tirarlo io, ma Tommaso se lo era procurato e non faccio casino per una situazione del genere sul 2-0. La Triestina? All’andata è stata una partita tosta, loro l’avevano preparata molto bene e ci hanno chiuso tutti gli spazi. Servirà una grande prestazione. Sono molto bravi tecnicamente in attacco e anche dietro sono difficili da superare. Hanno avuto un sacco di problemi, compreso adesso il covid. Vengono da una vittoria, ci aspetta una sfida dura. Sarà una bella partita. Pure il Ravenna si era chiuso, per fortuna che l’abbiamo sbloccata con Hallfredsson». 

Massimo Laudani


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 02/04/2021
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,11935 secondi