Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


CJARLINS MUZANE - Zanutta: siamo preoccupati

Il presidente sottolinea i rischi che, con la zona play-out distante appena 5 lunghezze, incombono sulla squadra friulana: "Con Cartigliano e Virtus Bolzano dobbiamo tornare alla vittoria per evitare di vivere un finale di stagione da brividi"

Il campionato di serie D, girone C, si avvia a grandi passi verso la parte decisiva e conclusiva di un'interminabile stagione (ma mancano all'appello ancora 10 giornate, più numerose gare da recuperare) con tutti i nodi che devono venire al pettine e con alcune incognite destinate a pesare in maniera determinante sull'esito finale e sui relativi verdetti. In particolare il numero di retrocessioni, che da 4 - così si sussurra - potrebbero scendere a 3 per girone, condannando di conseguenza al declassamento le ultime due classificate più la perdente dei play-out. E le tempistiche in cui verranno recuperati i match rinviati strada facendo, visto che ci sono formazioni che attualmente ne hanno disputati 4 in meno di chi è allineato con la tabella di marcia, una situazione limite che riguarda Clodiense e Delta. Un tanto per dire che tutto è ancora in bilico, nella zona promozione come tra coloro che son sospese e a rischio di scendere di categoria. 
Sono queste le premesse da cui parte il presidente del Cjarlins MuzaneVincenzo Zanutta, per sottolineare la particolarità del momento che vive la sua creatura: "La classifica non è per nulla rassicurante, mancano ancora tante gare e, come dimostrano anche i risultati di quest'ultimo turno, non ci sono partite dall'esito scontato - dichiara il patron del club celeste-arancio -. Non lo nascondo, siamo preoccupati, la zona play-out è lontana solo 5 punti e ci sono squadre che stanno recuperando terreno. Il fatto che il mercato sia rimasto aperto e, anzi, lo sia tutt'ora, ha permesso alle società di intervenire a più riprese per risolvere debolezze e lacune evidenziatesi nell'arco di questi mesi di campionato; il livello si è dunque alzato, le partite risultato tiratissime e basta poco per spostare i valori in campo. In questo quadro con i pareggi la classifica non si puntella: nelle ultime 4 gare avremmo meritato di raccogliere almeno un paio di vittorie, però con i se e con i ma non si va da nessuna parte, dobbiamo assolutamente accelerare e mettere in cascina quei punti che ci permettano di affrontare senza patemi d'animo le ultime partite della stagione". 
Ecco, allora, che l'attenzione del presidente e della dirigenza del Cjarlins Muzane è già proiettata alle prossime due sfide, quelle con Cartigliano e Virtus Bolzano, nelle quali la formazione di Nicola Princivalli dovrà fare il possibile e l'impossibile per tornare alla vittoria: "Affronteremo compagini che non ci sono superiori, ma che sono sicuramente temibili in particolare per la capacità di fare gruppo che le contraddistingue; in più, a Bolzano è notoriamente complicato imporsi - ricorda Vincenzo Zanutta -. Per quel che ci riguarda, ultimamente stiamo faticando in chiave offensiva e nel finalizzare quello che costruiamo, anche perché si è data la priorità a migliorare la fase difensiva. In ogni caso, ora è necessario uno scatto e un salto di qualità perché altrimenti ci sarà davvero da vivere con il cuore in gola l'ultimo tratto di campionato".  

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 11/04/2021
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,07238 secondi