Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Pordenone


TORRE PN - Bruccoleri: bloccare le annate, ragazzi fermi da 2 anni

Il responsabile del settore giovanile viola fa il suo appello alla Federazione: “Ci sono ragazzi che sono passati alla categoria successiva senza poter giocare, ci sono lacune createsi con il blocco dei campionati a causa della pandemia e devono essere colmate”

Il Torre Pordenone, nella persona del proprio responsabile del settore giovanile, Maurizio Bruccoleri, si accoda agli appelli alla Federazione per quanto riguarda i vivai delle società dilettantistiche, sempre più messi a dura prova dai blocchi dei campionati e da leggi troppo severe. Il dirigente viola mette in risalto un’altra proposta condivisa da tantissimi dirigenti di tutta la penisola, ovvero il blocco delle annate che andrebbe a colmare le lacune che i ragazzi hanno a causa di queste due stagioni in cui non si è potuto giocare e si è poi espresso sull'abolizione del vincolo sportivo, appoggiando il pensiero espresso dalla Sanvitese:

“Questi ragazzi sono stati fermi per un anno e mezzo, dovevano iniziare lo scorso anno il campionato di Giovanissimi Sperimentali ma non hanno potuto a causa della pandemia sia la scorsa stagione che questa, saltando di fatto due annate. Ci sono ragazzi che si trovano negli Allievi saltando due stagioni. Per ovviare a questo problema la Federazione dovrebbe bloccare le annate in modo da recuperare gli anni persi, lo stesso vale per gli Allievi perché non abbiamo ragazzi formati da mandare in prima squadra. Spero che la Federazione capisca tale problematica ed agisca in vista della prossima stagione, facendo tornare i ragazzi nella categoria in cui erano prima dello scoppio della pandemia. Formare i ragazzi è importante e nonostante qualche presidente non sia d’accordo, è la crescita dei giovani calciatori ad avere la precedenza, bisogna recuperarli perché già ad una certa età i ragazzi solitamente abbandonano il calcio, a causa della pandemia potrebbero avere ancor più disagi.

SQUADRE MISTE – “Ci sono tantissime società che hanno carenza di atleti, con pochi ragazzi provenienti dalle categorie Under 15 e Under 16, e che avranno tantissime difficoltà ad avere delle rose complete. Data l’eccezionalità del momento, invece, bisognerebbe bloccare le annate. Se una società si trova con dieci ragazzi di un’annata ed altri dieci di quella successiva non potrebbe disputare i campionati, se non proprio mettendo in atto tale progetto”.

VINCOLO SPORTIVO - "Siamo d'accordo con quanto espresso dalla Sanvitese (e altri club). E' una situazione pericolosa che non può andare avanti, altrimenti porterà alla fine di tante società che investono nella formazione dei giovani atleti, soprattutto con la crisi portata dalla pandemia. Le società, a mio parere, dovrebbero fare squadra per cercare di recuperare il tempo perso e per rivendicare i propri diritti".

TORRE PN - Insignita della medaglia e targa di Scuola calcio
Riconosciuti i requisiti idonei relativi alla stagione 2019/20 a conferma del percorso di crescita intrapreso dalla società viola. Progetto sempre attivo in ottica di rinnovo di tale attestato...Leggi tutto

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 29/04/2021
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,06820 secondi