Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


SERIE B FEMM. - Tavagnacco, con grinta e orgoglio torna il sorriso

Le gialloblù, pur soffrendo, ottengono la vittoria dopo oltre due mesi. Decide Abouziane, riscattandosi dal rigore fallito all’andata. Proteste romane per un gol annullato

TAVAGNACCO - ROMA CALCIO FEMMINILE 1-0
Gol: al 35’ st Abouziane

TAVAGNACCO: Beretta, Toomey, Veritti, Martinelli, Donda, Grosso (22’ st Tuttino), Caneo, Abouziane, Kongouli (33’ st Liuzzi), Ferin, Devoto (33’ st Mariani). (A disposizione: Girardi, Pozzecco, Dieude, Stella, Zuliani, Gianesin). Allenatore: Rossi.

ROMA CALCIO FEMMINILE: Di Cicco, Maroni, Silvi, Sclavo (33’ st Visconti), Di Fazio (87’ Crapanzano), Mushtaq, Silva, Natali (17’ st Miglio), Filippi, Martinez, Glaser. (A disposizione: Casaroli, Bartolini, Polverino, Farnesi, Peri, El Bastali). Allenatore: Piras.

ARBITRO: Duzel (sezione Castelfranco Veneto), Assistenti: Pandolfo e Storgato (sezione Castelfranco Veneto).

NOTE . Ammonite: Di Fazio, Tuttino e Donda. Recupero: 2’ e 5’
 

TAVAGNACCO - Rigore sbagliato all’andata, gol decisivo al ritorno. E’ il riscatto di Zineb Abouziane e del Tavagnacco che torna al successo dopo oltre due mesi. Mister Rossi apporta degli accorgimenti; balza agli occhi la scelta di far partire Devoto come centravanti e Ferin trequartista di sinistra nel 4-2-3-1, modulo confermato dopo Ravenna.

Su un paio di traversoni in area, le attaccanti  gialloblù arrivano in leggero ritardo e il primo concreto pericolo per Di Cicco è un tiro di Grosso al 7’. Dalla parte opposta a provare la conclusione con il mancino è Mushtaq dopo aver superato Donda nell’uno contro uno, palla a lato. Al quarto d’ora di gioco, le friulane si conquistano un interessante calcio di punizione dal limite dell’area, tira Ferin, ma la barriera respinge. Rischia il Tavagnacco al 22’ quando le giallorosse ripartono con Martinez che punta Veritti e cerca il bersaglio grosso col sinistro, pallone fuori di poco. La numero 93 romana si dimostra la più pericolosa e vivace delle ospiti anche qualche minuto dopo quando cerca la conclusione da lontano, Beretta para senza problemi. Come all’andata, la gara è bloccata con poche opportunità da entrambe le parti; la Roma gioca molto corta tra i reparti e la squadra di Rossi fatica a rendersi minacciosa. La seconda parte del primo tempo è di marca giallorossa. Al 40’ la solita palla inattiva crea pericolo in casa gialloblù: calcio d’angolo battuto da Mushtaq, a Beretta sfugge il pallone e Filippi deposita in rete, ma l’arbitro Duzel ravvisa un fallo ai danni dell’estremo difensore e annulla la rete tra le proteste delle ospiti.

Nella ripresa Rossi inverte le trequartiste esterne (Ferin passa a destra e Abouziane va a sinistra), la mossa si rivelerà decisiva. Il Tavagnacco ricomincia con il piglio giusto alzando anche il ritmo. Al 14’ avanzano le friulane sulla destra, il cross di Toomey è perfetto per il colpo di testa di Abouziane che segna, ma il guardalinee alza la bandierina. La numero 27 è partita qualche istante in anticipo: fuorigioco. Le due retroguardie sono attente, tuttavia cresce il predominio territoriale delle ragazze di casa. Alla mezz’ora Devoto sfugge alla marcatura di Silvi e calcia, ma il tiro è debole e non impensierisce Di Cicco. Al 35’ il Tavagnacco trova l’episodio che decide la gara con una azione insistita. Mariani intercetta un pallone in mezzo al campo e serve Toomey, crossa per Abouziane che serve all’indietro l’accorrente Liuzzi la quale, di sinistro, impegna Di Cicco. Sulla respinta del portiere, si avventa Zineb che spinge il pallone nel sacco: 1-0. Qualche minuto dopo bella costruzione friulana con Liuzzi che serve Tuttino: sul suo traversone per una questione di centimetri non riesce a impattare di testa Ferin. Negli ultimi minuti la squadra bada a difendere con le unghie e con i denti il risultato, non rischia nulla e torna alla vittoria. Il successo della grinta e dell’orgoglio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

https://i.imgur.com/lJcJEi9.jpg

https://i.imgur.com/hIpB6PV.jpg

https://i.imgur.com/3n78RED.jpg


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 02/05/2021
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,07973 secondi