Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


BASKET A2 - Giuri da sballo, l'Apu doma Scafati

Sontuosa prova del playmaker (22 punti, 6 rimbalzi, altrettanti falli subiti, 4 assist e un clamoroso 34 di valutazione!) per una vittoria comunque collettiva. Bene anche Antonutti, a sprazzi Johnson. Domenica sera trasferta a Forlì

APU OLD WILD WEST - SCAFATI   88 - 83

APU: Giuri 22, Johnson 15, Deangeli 4, Antonutti 18, Foulland 8, Nobile 2, Mobio 2, Italiano 5, Amato 7, Pellegrino 5. Ne: Schina e Agbara. Coach: Boniciolli.

SCAFATI: Musso 5, Jackson 10, Benvenuti 15, Palumbo 10, Thomas 10, Cucci 4, Sergio 15, Marino 6, Rossato 8. Ne: Dincic. Coach: Finelli.

ARBITRI: Moretti, Terranova, Martellosio.

Parziali: 18 - 20,  44 - 38, 65 - 69.  Liberi: Apu 10/14, Scafati 5/8. Tre punti: Apu 14/32, Scafati 10/30. Rimbalzi: Apu 37 (Antonutti 9), Scafati 41(Palumbo 9). Fallo tecnico: Jackson. Cinque falli: nessuno.

UDINE. Quando le cose andavano maluccio (gennaio) e si ipotizzava qualche epurazione, era in cima alla lista dei capri espiatori. Marco Giuri conosce però il basket e non perde occasione per dimostrarlo. Confermando che, rilasciarlo, non sarebbe stata una mossa particolarmente intelligente. C’è infatti soprattutto il marchio del brindisino (22 punti con 8/11 dal campo, 6 rimbalzi, altrettanti falli subiti e 4 assist per un clamoroso 34 di valutazione) sul successo dell’Apu Old Wild West ai danni di Scafati, nel terzo match della fase ad orologio del Girone Bianco. Nessuna replica, comunque, della recente semifinale di Coppa Italia: se quella volta fu una mattanza (72 - 51 per i friulani) stavolta l’incertezza è stata il comune denominatore di tutti e 40 i minuti di questo inedito lunedi cestistico. Durante il quale il potere (leggi cambio di punteggio) è passato più volte di mano e gli attacchi hanno decisamente avuto la meglio sulle difese.

Il sontuoso approccio di Giuri (10 punti e un assist per la schiacciata di Foulland) consente all’Apu di replicare alle voglie di Scafati, che si ha nello sgusciante Palumbo il finalizzatore designato, ma ben sette “contribuenti” diversi. I campani sono un po’ più reattivi sui palloni vaganti e due triple in fila (Rossato e Sergio) scolpiscono il 27 - 21 del 12’. E se Nobile spara a salve, lo spigoloso ma efficace Benvenuti arrotonda (32 - 23). Udine non si impressiona e, anche grazie al contributo di Pellegrino, con un robusto parziale di 13 - 0 (doppia magia di Amato, al quale il talento non fa certo difetto) ritorna avanti: 33 - 32 al 15’. Un nuovo, improvviso break firmato Deangeli e Johnson, consegna poi alla formazione di Boniciolli otto lunghezze (44 - 36), limate a sei al riposo lungo. Qualche forzatura di Johnson rilancia le ambizioni di Scafati che, appena può, impone i suoi ritmi, castigando in transizione. E al 27’ gli ospiti - incisioni del recuperato Sergio - sono di nuovo avanti: 62 - 56. Con la specialità della casa (la tripla, magari senza opposizione) e qualche libero, Antonutti si incarica di ricucire lo strappetto ma, all’ultimo giro, la banda Finelli (31 punti nel quarto…) è ancora davanti. Di nuovo Giuri scandisce però il sorpasso sul 73 – 72 del 34’. Due fiammate del redivivo Johnson e un tap in “rapinato” da Antonutti alimentano il bottino (81 - 76) quando restano 4’ da giocare. Il “chirurgo” Giuri interrompe una striscia di errori su ambo i fronti e mette l’ennesima tripla: cosi, a 1’49” dallo striscione, l’Apu ha otto lunghezze (84 - 76) da difendere. Ma non è ancora tempo di alzare le braccia: Johnson e Antonutti stavolta sbagliano, non chiudono la pratica e Scafati ne approfitta per risalire a meno tre (81 - 84). Deangeli mette successivamente un solo libero e due possessi di distanza (85 - 81) con 20” da giocare. L’ultima azione campana è un “passi” di Thomas ed è la pietra tombale. Antonutti, chiamato due volte in lunetta, imbuca invece 3 “arance” su 4, archiviando definitivamente la pratica. Prossimo impegno per l’Apu domenica prossima (alle 20.45), a Forli. (r.z.)

LA CLASSIFICA del Girone Bianco (dopo 7 gare): Napoli punti 10, Forli, Tortona e Torino 8, Apu 6, Scafati 2.

Foto Giacomo Lodolo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

https://i.imgur.com/ibdt2Il.jpg


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 03/05/2021
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,06767 secondi