Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


CJARLINS MUZANE - Ndoj: "Appagati? Neanche un po'!"

Il terzino classe 1998 è diventato uno dei pilastri della squadra che mercoledì affronterà il Chions. Orlando è arrivato a quota 150 partite in serie D e punta deciso a sbarcare nei professionisti...

A forza 150: 150 presenze in serie D per Orlando Ndoj, classe '98, ormai un pilastro del Cjarlins Muzane. Il terzino di origini albanesi, ma in Italia già da quasi un decennio, toccherà il traguardo prendendo parte al derby regionale in programma mercoledì al Della Ricca, avversario dei padroni di casa un Chions affamato di punti. Sarà affamata anche la formazione di Princivalli, che arriva da 9 risultati utili consecutivi e da 3 vittorie di fila, l'ultima contro la Manzanese? Alla domanda Ndoj risponde con fermezza: "Abbiamo continuato ad allenarci a parte un paio di giorni e non siamo per niente appagati: c'è la volontà di continuare a fare bene fino all'ultimo secondo dell'ultima partita, perché questo è un campionato tosto, particolare, che ci ha visto passare dei brutti momenti... Poi, grazie all'apporto di tutti, grazie al mister, abbiamo ribaltato la situazione, ma riuscirci ha richiesto impegno, dedizione, uno sforzo, fisico e mentale, enorme. Fermarci adesso non sarebbe giusto!". 
E al cronista che gli chiede se è soddisfatto della sua stagione, Orlando accende i riflettori sulla squadra e non su sé stesso: "I risultati dipendono dalla squadra, dal gruppo, e noi siamo un bel gruppo, una buona squadra. Dovrei spingere di più, arrembare con maggiore continuità? Sì, probabilmente sì, ma non mi fido, sarà per le difficoltà che abbiamo vissuto per oltre mezza stagione, sarà per l'istinto, ma preferisco presidiare la mia zona difensiva e tenere sempre la guardia alta. Il mio ruolo? Ho giocato a centrocampo, da esterno alto, e come difensore, sia in fascia che centralmente: francamente mi trovo particolarmente a mio agio da terzino, poi chiaramente sono a disposizione dell'allenatore". 
Orlando Ndoj è stato lanciato dall'Union Quinto, per poi mettersi in evidenza nel Montebelluna di Fonti, al Calvi Noale, prima di vestire le casacche di Campodarsego (lo seguiva anche la Spal Ferrara), Modena e, da due stagioni in qua, Cjarlins Muzane: "Il mio obiettivo è sbarcare nei professionisti, ci ho sempre creduto, so che è normale affrontare alti e bassi nel calcio, l'importante è non mollare mai, quello che a livello di squadra abbiamo fatto quest'anno. Michele De Agostini? Da lui sto cercando di imparare tutto quello che è possibile, interpreta il ruolo in maniera moderna, efficace, direi perfetta".
Duttile, determinato, dotato di un calcio potente e preciso che raramente è patrimonio di un terzino, Orlando Ndoj è stato fondamentale nel suonare la carica nella partita della svolta stagionale, quella di Mestre, in cui da centrale difensivo giocò un grandissimo match e segnò un gol memorabile, arrivato partendo dalla propria area di rigore per poi finalizzare al meglio lo scambio con Bussi...
Se Orlando continuerà così l'approdo nei professionisti diventerà, prima o poi, il logico sbocco della sua avventura calcistica.

Foto: P. Baracetti

© RIPRODUZIONE RISERVATA

https://i.imgur.com/gur0yp0.jpg


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 03/05/2021
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,07798 secondi