Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


MANZANESE - Vecchiato: «In questi giorni si decide tutto»

La sfida infrasettimanale a Feltre e poi lo scontro diretto al “Morigi” con il Trento. «Tutto rimesso in discussione, vogliamo prenderci un’altra possibilità. L’esperienza dei veterani? Ci vuole equilibrio nelle valutazioni»

Due partite in questa settimana per poter ancora sperare nel miracolo. E’ questo l’obiettivo della Manzanese alla vigilia della più che mai insidiosa trasferta sul terreno dell’Union Feltre, guidato dal bisiaco Andrea Zanuttig, che sembra aver trovato la quadra dopo il suo recente arrivo nella società del Bellunese. Domenica poi al “Morigi” arriva proprio la capolista Trento (1-1 nell’anticipo casalingo di lunedì con il Caldiero acciuffato in extremis) con la speranza di poter ulteriormente accorciare in classifica e rendere il finale di stagione più vivo.

Ma intanto mister Roberto Vecchiato pensa all’Union Feltre: «E’ un momento particolare, non eravamo abituati a non vincere, le prossime otto gare saranno tutte importanti e in questa settimana vogliamo regalarci un’altra possibilità. Prima di cadere a Carlino avevamo pareggiato a Belluno e vinto con l’Este e in questi giorni abbiamo lavorato tanto sull’aspetto mentale, mancato contro il Cjarlins. E questa sarà la settimana che potrà decidere un campionato che sembrava ormai chiuso, ma lo stesso Trento lo ha rimesso in discussione».

Ancora fermi ai box Capellari e Calcagnotto ma le alternative non mancano: «Gli infortuni fanno parte di una stagione e con queste assenze ho provato soluzioni diverse. Mi serviva un giovane nel ruolo di Capellari e ho spostato Nicoloso mezz’ala, un giocatore duttile».
Oltre ai giovani ci sono i veterani che possono dare una grossa mano d’esperienza in questo finale di stagione ma Vecchiato frena gli entusiasmi: «Ci vuole equilibrio nelle valutazioni. Ad esempio Moras, dopo un campionato strepitoso, è normale un suo calo. Felipe, fermo da otto mesi, ha risentito fisicamente e il fatto che abbia giocato in serie A conta fino ad un certo punto».   

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 04/05/2021
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,08100 secondi