Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Tolmezzo


TRASAGHIS -Toffoletto: società pronte, ma bisogna tornare a giocare

Il dirigente biancoverde spiega le criticità da affrontare per ritornare in campo: “Bisogna capire come evolverà la situazione spogliatoi, ma ci vorrebbe soprattutto una deroga per il coprifuoco per le partite che iniziano alle 20.30”

Il Trasaghis è pronto a tornare in campo e spera in buone notizie a tal proposito. Abbiamo ascoltato il dirigente Edilio Toffoletto che ci ha fatto i primi nomi che potranno vestire la casacca biancoverde ed ha proposto una sua idea per la ripartenza: “E’ auspicabile che si possa fare qualcosa, altrimenti ci saluteranno molte squadre, stare fermi due anni non è una situazione accettabile né tantomeno gestibile. Mi auguro che si faccia almeno il Torneo delle Vallate come fecero dopo il terremoto, visto che quest’anno ricorrerà il quarantacinquesimo anniversario. Sarebbe almeno un segnale di ripartenza e di normalità. C’è molta preoccupazione perché si allestiscono le squadre ma se poi non si gioca è un problema”.

SQUADRA – “Posso dare qualche nome di qualcuno che verrà a darci una mano come Cedermaz, Bortolotti ex Pulfero, Klaric, Verillo e Pividori. Sono stati molto corretti perché ci hanno dato la disponibilità fino alla fine, nonostante si potrebbe creare il problema di ritornare alle squadre d’appartenenza. Mi auguro che si possa giocare perché abbiamo lavorato per costruire una squadra competitiva”.

RIPARTENZA – “Sicuramente andrà superato qualche scoglio: bisogna capire come evolverà soprattutto la situazione spogliatoi, perché far tornare a casa completamente sudato un giocatore che viene per esempio da Udine non è fattibile. Ci vorrebbe una deroga anche per il coprifuoco, perché se si inizia una partita alle 20.30 si deve sforare, soprattutto per spostamenti lunghi”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 07/05/2021
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,07309 secondi