Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


SERIE B FEMM. - Tavagnacco "ribaltato" a Roma

Le gialloblù cedono alla Lazio giocando un gran primo tempo andando in vantaggio con Caneo. Le biancocelesti capovolgono la gara nei primi cinque minuti della ripresa: a Formello sconfitta per 2-1

Il Tavagnacco chiude la stagione con una sconfitta onorevole sul campo della Lazio che festeggia la promozione in serie A. Mister Rossi ripropone il 4-2-3-1 e chiede sacrificio alle sue trequartiste esterne che aiutano molto il resto della squadra in fase difensiva. Il primo squillo è biancoceleste con una discesa sulla destra di Visentin, sulla sua conclusione si oppone Veritti. Le gialloblù replicano al 7’ con una bella palla di Donda per l’inserimento di Grosso che tenta di sorprendere Natalucci con un pallonetto, ma l’estremo difensore avversario smanaccia in corner. Sul calcio d’angolo susseguente, Abouziane pesca Caneo, abile a smarcarsi e a incrociare con un preciso diagonale sinistro nell’angolo opposto: 0-1. Prima rete stagionale per la numero 23 friulana, una gioia personale a coronamento di un ottimo campionato. Assieme al gol, le ragazze trovano fiducia e sono abili nelle coperture sugli esterni; Abouziane e Ferin rientrano molto a raddoppiare sui terzini della Lazio che spingono. Al 17’ vicino al raddoppio il Tavagnacco; Caneo serve Ferin che fa il velo per uno splendido inserimento di Donda che entra in area e tira di potenza trovando un gran riflesso di Natalucci. Dall’altra parte del campo c’è lavoro anche per Beretta un minuto più tardi per respingere un calcio di punizione di Martin. La gara è bella e vivace, ma il team di Rossi si scopre troppo al 25’ lasciando campo libero a Visentin che si presenta sola davanti a Beretta, ma tarda troppo a concludere stoppata da uno straordinario recupero di Ferin. Non si contano i capovolgimenti di fronte, le gialloblù ripartono facendo circolare bene il pallone; al 32’ il tracciante di Devoto trova Abouziane pronta all’appuntamento con il raddoppio, ma l’arbitro Di Loreto annulla la rete ravvisando una posizione irregolare di Zizu. I ritmi restano alti per tutto il primo tempo e di momenti per rifiatare ce ne sono pochi: è (quasi) una gara di serie A. Una uscita sbagliata palla al piede della retroguardia friulana consente a Martin di caricare la botta di sinistro da posizione favorevole e Beretta si supera con un grande intervento. Il Tavagnacco resiste nell’assalto finale delle aquilotte e mantiene il vantaggio all’intervallo per quello che complessivamente può essere considerato davvero un gran primo tempo. Anche il presidente della Lazio Claudio Lotito presente sugli spalti è rimasto impressionato dall’abnegazione messa in campo dalle ospiti.

La ripresa, però, si apre come peggio non si potrebbe. Visentin punta e salta Veritti che interviene in modo imprudente: calcio di rigore. Sul dischetto si presenta Martin che incrocia: 1-1. La gara cambia completamente volto e le romane la ribaltano. Al 5’ calcio di punizione di Martin, la respinta del Tavagnacco trova Pitaccio pronta a impattare col destro per il 2-1. Un vero peccato vedere buttare via in cinque minuti tutto ciò che si è fatto di buono nella prima frazione di gioco, ma il calcio è anche e soprattutto questo. La Lazio va vicina al tris sugli sviluppi di un corner, Beretta nega la gioia del gol a Castiello. Un paio di incursioni di Milan e un tiro alto di Kongouli impensieriscono la retroguardia biancoceleste. Inevitabile il calo fisico e mentale delle ragazze gialloblù dopo una prima parte giocata da protagoniste. La grossa occasione, però, arriva al 42’ con una discesa di Ferin che crossa in mezzo per Liuzzi che impatta male e spedisce alto. Nel recupero c’è tempo per un gran tiro da fuori di Mariani su cui il portiere Natalucci si supera. E’ l’ultima chance che impedisce al Tavagnacco di raggiungere quello che sarebbe stato un pareggio meritatissimo.

 
LAZIO-TAVAGNACCO 2-1
Gol: 8’ Caneo, nella ripresa al 1’ Martin (rig.), al 5’ Pitaccio.

LAZIO: Natalucci, Santoro (21’ st Shanahan), Gambarotta, Savini, Labate, Castiello (21’ st Lipman), Di Giammarino, Cuschieri, Visentin (44’ st Palombi), Martin, Pitaccio (30’ st Mattei). Allenatrice: Morace.
A disposizione: Guidi, Colini, Berarducci, Clemente, Luijks.

TAVAGNACCO: Beretta, Toomey (39’ st Gianesin), Veritti, Martinelli, Donda, Caneo (30’ st Mariani), Tuttino, Abouziane (19’ st Milan), Grosso(39’ st Liuzzi), Ferin, Devoto (19’ st Kongouli). Allenatore: Rossi.
A disposizione: Girardi, Pozzecco, Dieude.

ARBITRO: Di Loreto (sezione Terni); Assistenti: Lauri (sezione Gubbio), Polidori (sezione Perugia).

NOTE - Ammonite: Veritti e Devoto. Recupero: 1’ e 5’.


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 23/05/2021
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,17246 secondi