Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Gorizia


ECCELLENZA - Troppe goleade, doveroso porsi alcune domande

Sono ventiquattro le squadre iscritte al campionato 2021/22, con 500 giocatori tesserati nel complesso, dei quali circa 150 si affacciano per la prima volta in questa categoria. I fuoriquota non giocano da due anni ed arrivano direttamente da qualche partita disputata nel campionato Allievi di un paio di stagioni fa. I ripescaggi "dell'ultimo minuto" non permettono alle società interessate di allestire in tempo rose attrezzate al salto di categoria. Queste sono solo alcune delle motivazioni che stanno portando ad una spaccatura della quinta serie, con numerose "imbarcate" di gol che non promettono nulla di buono

Troppe goleade fino ad ora in Eccellenza. È una percezione diffusa perchè le stesse arrivano in maniera evidente e roboante, come nel caso del 12-1 tra Torviscosa e Primorec che ha sfiorato il record nazionale per gol di scarto e che fa il paio con l'11-0 tra UFM ed Ol3 nel 2014. Non è sicuramente un primato che fa piacere annotare perchè evidenziano alcuni problemi. Stessa storia per il punteggio tennistico della Pro Gorizia contro il Kras, del 5-1 in favore del Brian contro la Sanvitese e se scendiamo di categoria troviamo il 7-1 subìto dal San Giovanni ad opera dell'UFM o del 6-0 della Sacilese ai danni del Saronecaneva. C'è qualcosa che non torna e non può di certo essere un discorso limitato ai due anni di assenza dai campi. C'è da domandarsi se il nostro movimento regionale riesca e riuscirà a reggere il peso di 24 squadre di Eccellenza, circa 500 giocatori a fronte del precedente dato che recitava circa 350 atleti. C'è sicuramente una differenza numerica, che viene colmata con l'acquisto di calciatori provenienti da categorie inferiori e ciò abbassa il livello del campionato.

Pensiamo solo alle sei squadre triestine iscritte al campionato: parliamo di oltre 150 calciatori che molto probabilmente la stessa città di Trieste non ha tra le proprie mura. Ecco quindi che si affacceranno giocatori di categorie inferiori e che probabilmente affrontano per la prima volta la categoria. Se a tutto ciò aggiungiamo che gli attuali fuoriquota negli ultimi due anni non hanno mai giocato e le ultime partite disputate risalgono al campionato Allievi, ecco che si può trarre una prima conclusione sul perchè di questo fenomeno. Il problema dei ripescaggi "dell'ultimo minuto" di sicuro è un altro fattore che ha influito notevolmente, con diverse squadre che non hanno avuto il tempo materiale per potersi attrezzare ed allestire una rosa di categoria superiore rispetto a quella che pensavano di dover affrontare. Bisogna ripensare alla riorganizzazione dei campionati e di sicuro l'architettura di quest'anno scricchiola, questi risultati ne sono la testimonianza evidente. Il rischio è che tutto ciò possa ripetersi ad ogni giornata del campionato.

Antonino De Blasi

Editoriale ripreso dalla puntata odierna di Friuli in Gol  (link diretto) di  lunedì 27 settembre trasmesso alle 7.25 e alle 12 sulle sei frequenze regionali d Radio Gioconda FVG

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 27/09/2021
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,09562 secondi