Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Pordenone


CO.MO.TE. - Russolo: campionati giovanili unificati? Errore grave

Tiene banco la decisione della Federcalcio di mettere assieme squadre regionali con quelle provinciali: «Hanno pensato solo alla parte burocratica senza interpellare le società». E sulle collaborazioni: «Progetti con Liventina, ma anche con Fossaltese e Varmese»

Con il secondo fine settimana di ottobre sono ufficialmente iniziati tutti i campionati del Settore Giovanile della regione; nella provincia di Pordenone continua il suo percorso di crescita il Progetto Co.mo.te (unione Spal Cordovado, Morsano e Teglio Veneto) per il quale abbiamo interpellato il confermato responsabile Michele Russolo 

Michele, come è stato l’inizio di questa stagione?
«Viste le premesse iniziali e le tante preoccupazioni direi che la partenza è stata molto tranquilla e questo ci ha permesso di eseguire le operazioni di gestione nel migliore dei modi». 

Iniziando dalla categoria superiore come sono andati i rispettivi incontri?
«Purtroppo per la categoria Under 17 il risultato sportivo non è stato positivo; voglio rimarcare quanto già esposto da qualche mio collega. Non si possono predisporre dei campionati del settore giovanile provinciali dove la differenza tecnica è già conosciuta prima della partenza; gli organi competenti  dovevano studiare e prevedere certe situazioni psicologiche e fisiche dei ragazzi, invece hanno pensato solo alla parte burocratica senza interpellare i dirigenti delle società. Le goleade da parte delle squadre più preparate provocheranno dei danni che il mondo del calcio giovanile pagherà nelle prossime stagioni. In questi giorni ricevo delle telefonate di società che ad ottobre stanno cercando di completare gli organici perché i ragazzi lasciano il mondo del calcio. Noi adulti dobbiamo farci un esame di coscienza. In ogni caso faccio i complimenti alla squadra Under 17 che lunedì in allenamento si è presentata al completo per svolgere l’allenamento programmato; ho detto a loro che con il lavoro e la determinazione riusciranno ad ottenere risultati calcistici e morali perché il loro è un buon gruppo». 

Nella categoria Under 15 da inizio stagione una novità importante.
«Era la squadra che durante l’estate mi preoccupava maggiormente. La decisione di molti genitori di non continuare con il nostro progetto non ci ha dato demoralizzato e abbiamo completato la rosa con dei ragazzi che sono stati esclusi da altre società. Sono abituato a mettere personalmente la faccia soprattutto nei momenti difficili, soprattutto perché credo molto in questo gruppo. Per questo insieme a mio figlio Davide ho preso la guida della squadra rispolverando il mio cartellino da allenatore». 

Mister come è andata?
«Domenica a Morsano abbiamo ottenuto la prima vittoria anche se devo dire che la scorsa domenica a Casarsa non abbiamo demeritato; ho un bel gruppo in cui sto cercando di amalgamare al più presto i nuovi e i vecchi. Sono convinto che ci prenderemo le nostre soddisfazioni». 

Passiamo all’attività di base.
«Qui ritengo abbiamo posto le basi per un proficuo futuro del nostro progetto; l’organizzazione tecnica e gestionale data dai nostri responsabili Macchi e Sclippa, seppur non condivisa da molti, sta fornendo i primi risultati; ci siamo presentati alla fase autunnale con 2 squadre Esordienti (40 iscritti) e con 3 squadre Pulcini (oltre 30 iscritti). Sabato prossimo a Teglio Veneto inizieranno le attività anche i Primi Calci e Piccoli Amici con una ventina di bambini. Tutto questo mi fa ben sperare per il proseguimento». 

Futuro in collaborazione con la Liventina (scuola calcio Inter)…
«Si, lo scorso mese di settembre insieme al presidente Claudio Toneguzzo abbiamo concluso accordo con la società di Motta; i nostri istruttori hanno già iniziato il percorso partecipando a degli stage con gli allenatori della Liventina e dell’Inter; prossimamente anche i nostri ragazzi avranno degli allenamenti comuni o situazioni organizzate dove avranno la possibilità di esprimere le loro potenzialità. Colgo l’occasione per ringraziare il responsabile Scouting Bruno Cover per la fiducia a noi concessa».

 Altre novità e cosa state programmando per il futuro-
«Dopo aver instaurato un rapporto di collaborazione con la società Fossaltese che ci ha permesso di svolgere il camp estivo ed contribuire ad allestire una nuova squadra Juniores a Fossalta, abbiamo intrapreso la collaborazione con la società Varmese che ospita la nostra squadra Under 17 nelle proprie strutture. Vogliamo in questo modo allargare le nostre collaborazioni ritenendo per migliorare e dare la possibilità a tutti i ragazzi della zona di avere prospettive e opportunità diversificate per il loro futuro. Per il resto con i dirigenti del Morsano e Teglio Veneto stiamo già programmando delle iniziative, che nel rispetto delle norme post Covid, ci consentano di far divertire i nostri ragazzi». 

Sempre con Michele alla guida.
«Ho svolto la mia funzione con impegno e responsabilità e allo stesso con un grosso dispendio di energie trascurando molto spesso me stesso e la mia famiglia. Diciamo che a  questa domanda  rispondo la prossima volta».


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 15/10/2021
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,11990 secondi