Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Pordenone


SACILESE - Guida Lizzi. Driussi: Promozione meglio dell'Eccellenza

Nuovo avvicendamento sulla panchina della Prima squadra biancorossa, ma si confida che Pessot possa rimanere con i liventini. Il presidente: "Sacile è una piazza dove il risultato conta e all'appello ci manca qualche punto. Il nostro, per altro, non è un problema di allenatori..."

Nuovo avvicendamento sulla panchina della Prima squadra della Sacilese, con Mauro Lizzi che torna a subentrare a Filippo Pessot, il quale, da secondo di Lizzi, a sua volta ne aveva rilevato il ruolo un mese fa. Mauro Lizzi era rimasto comunque con i biancorossi liventini, e la Sacilese chiederà a Pessot di continuare nella sua collaborazione. 
Il presidente Ivano Driussi spiega: "Sacile è una piazza dove il risultato conta e all'appello ci manca qualche punto di troppo, in particolare quelli persi in casa con Bujese e Torre. Avessimo vinto quelle due partite adesso saremmo primi... Il calcio è fatto di stagioni e di contraddizioni, abbiamo le nostre responsabilità ma non ci gira neppure bene. Non è comunque un problema di allenatori; stiamo risentendo di 3 salti di categoria consecutivi, la Promozione è una realtà importante ed esigente, molto probabilmente i giocatori hanno perso voglia o, comunque stanno accusando le conseguenze prodotte dalla pandemia, che ha portato di fatto alla cancellazione di una stagione e mezzo. Da qui gli infortuni, da qui la difficoltà di chi è rimasto fermo: si tratta di situazioni complesse e anomale con cui bisogna fare i conti. Quanto sta accadendo di settimana in settimana conferma la mia convizione, che ribadisco: il campionato di Promozione è equilibrato, migliore di quello di Eccellenza in quanto maggiormente avvincente: quando troppe gare finiscono per 6-1 o 5-0 c'è qualcosa che non va. La squadra che mi ha impressionato di più? L'Ol3: sono giovani, pieni di entusiasmo, educati, mi riferisco ai calciatori ma anche ai dirigenti: con loro abbiamo vinto sfruttando un calcio di punizione altrimenti non l'avremmo portata a casa".   

 © RIPRODUZIONE RISERVATA


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 15/11/2021
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,20713 secondi