Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


PRIMA B - Teor, e sono 9. Mereto, è un incubo. Arteniese a mitraglia

La capolista espugna Magnano in Riviera con un Zanin micidiale e respinge l'assalto del Sedegliano, che piega nel big-match il Mereto. Torreanese e Basiliano corsari, il Rivignano coglie un'importantissima seconda vittoria di fila...

Prosegue la marcia vertiginosa del Teor, che coglie la nona vittoria di fila e continua a guidare le danze nel girone B di Prima categoria. I giallorossi espugnano Magnano in Riviera e non si scompongono neppure davanti al vantaggio biancorosso targato Bozic; Zanin, ancora lui, firma una doppietta, e il primo tempo si chiude con la squadra di Pittana avanti 2-1. Andriulo impatta, Corradin e Zanin però piazzano l'allungo letale della prima della classe. 
Al suo inseguimento c'è sempre il Sedegliano, che si impone nel match di cartello, quello con il Rivolto di Berlasso. Gli azzurri trovano la rete che vale i 3 punti al 62', con il guizzo di Donati, e respingono così l'assalto dei verdeblù.
Tra le big tengono il passo della capolista Torreanese e Basiliano: i giallorossi rimontano la Fulgor (Morandini) con la doppietta di Beuzer e l'acuto di Giantin, mentre l'undici di Pagnucco si rilancia espugnando San Vito di Fagagna grazie alla doppietta di Cavallaro e a Mainardis. Son dolori per il Diana, al terzo ko di fila: soprattutto i biancoceleste non vincono una gara dalla seconda d'andata e dal lontano 25 settembre. 
Sta messo ancora peggio il Mereto, che a Rivignano subisce la settima sconfitta consecutiva. Colgono, infatti, un successo importantissimo, il secondo di fila, i nerazzurri del "mago" Massimo Zucco, che si impongono dopo una prova attenta e disciplinata, capitalizzando le reti, una per tempo, firmate da Marangoni; la prima matura su calcio di rigore, la seconda con una stoccata da bomber di vaglia. I neroverdi di Gianni Pizzolitto faticano a procurarsi occasioni limpide, anche se sfìorano il provvisorio 1-1 in chiusura di primo tempo. Questo Rivignano sta facendo miracoli nonostante la coperta corta, ragion per cui sarà indispensabile tenere alta la guardia e cercare di irrobustire la rosa nella finestra di mercato dicembrina. 
Il turno, privo di pareggi, che ieri aveva premiato il Pagnacco, venuto a capo nel finale e in maniera rocambolesca di un Colloredo gagliardo e ammirevole, ha proposto inoltre il nuovo acuto del Ragogna, che ha piegato 2-0 un'Aurora pallida, e la roboante affermazione dell'Arteniese, passata come un ciclone a Gonars, con i biancazzurri che hanno prevalso 7-2: primo tempo già esplosivo, Marcuzzi (3), Valent e Marsilio mettono in crisi i nerazzurri, andati in gol con Dorigo. Dopo l'intervallo la musica non cambia e affondano i colpi Vidotti, Gerussi e Valent, ai quali risponde il solo Andrea Scaluzero. Pomeriggio da dimenticare per il Gonars; l'Arteniese prosegue nel suo cammino altalenante (una vittoria, una sconfitta...) che però le ha permesso di mettere da parte 13 punti, tutto considerato un signor bottino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 28/11/2021
 

Altri articoli dalla provincia...











UDINESE - Pablo Marì, il giramondo è qui

Avanti un altro. E ancora un difensore. Dopo qualche giorno di attesa e l’esito positivo delle visite mediche l’ Udinese ha infatti ufficializzato l’arrivo (prestito secco sino a fine stagion...leggi
20/01/2022








Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 1,32200 secondi