Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


BRIAN LIGNANO - Moras: stiamo preparandoci a mesi infuocati

Campionato e Coppa con impegni ravvicinati attendono i giallo-azzurri: "Siamo tutti vaccinati e ci stiamo allenando bene, sapendo che in entrambe le competizioni troveremo avversarie quanto mai temibili". Delle Case e Alessio ancora ai box eredità della finale con la Pro Gorizia. La carta Cusin

Messa in bacheca la coppa Italia, il Brian Lignano si sta preparando con scrupolo ed entusiasmo a una seconda parte di stagione che si preannuncia - pandemia permettendo - incandescente. E, anche, dai ritmi vorticosi, considerando che Stiso e compagni tra febbraio e maggio dovranno affrontare il girone di ritorno dell'Eccellenza, la fase Nazionale della Coppa e, a meno di eventi clamorosi, pure i play-off per salire in D. Tutto d'un fiato o quasi.
Il tecnico del Brian Lignano, Alessandro Moras, conferma: "Gli impegni saranno ravvicinati e condensati, ma quello che ci attende non ci deve preoccupare. Anzi, l'affrontare campionato e coppa è uno stimolo, un piacere e una sfida tenuto conto che in coppa Virtus Bolzano e una tra Portomansuè e Montecchio saranno avversarie di grossa caratura, mentre in campionato l'asticella si alzerà ulteriormente considerata la posta in palio e l'equilibrio dei valori. Mi attendo quindi un ritorno particolarmente impegnativo. La formula dei due gironi non mi ha convinto, avrei preferito un campionato classico, con la prima classificata che viene giustamente premiata con la promozione in D. Invece con i play-off l'esito della stagione tornerà in ballo e tutto potrà perciò accadere". 
Il timoniere dei giallo-azzurri elogia la disponibilità e l'impegno con cui i suoi calciatori stanno affrontando anche questo periodo: "A parte la settimana di Natale ci siamo sempre allenati e lo stiamo continuando a fare. Tutti i ragazzi sono vaccinati, mi sembra un bel segnale, un comportamento responsabile verso sé stessi ma soprattutto verso gli altri: è questo il senso di essere squadra, a ben vedere. Cerchiamo per altro di seguire scrupolosamente i protocolli e di limitare il più possibile i rischi di contagio. La speranza è che da febbraio si possa riprendere il cammino, portando a compimento senza ulteriori stop campionato e coppa. Per adesso sono molto soddisfatto del comportamento della squadra e dei risultati. Abbiamo sbagliato una sola gara, quella con il Tricesimo, una gara in cui non siamo stati così determinati e pronti nel riuscire a far girare a nostro favore gli episodi". 
La finale di Coppa vinta con la Pro Gorizia ha lasciato in eredità pure qualche conveniente: "A Bertoli, vittima di uno stiramento, si sono aggiunti in infermeria Delle Case, che nell'episodio del calcio di rigore ha riportato una microfrattura al malleolo, e Alessio, alle prese tutt'ora con una caviglia in disordine". 
Infine, l'allenatore del Brian Lignano spende alcune parole su uno dei senatori del gruppo, il centravanti dell'89 Alessandro Cusin: "Fin qui Cusin è stato frenato dagli impegni lavorativi, ma è un ragazzo meraviglioso, che ci tiene alla maglia e che, ne sono sicuro, ci darà una grossa mano nei prossimi mesi".
Mesi di fuoco per la sputafiamme giallazzurra.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 07/01/2022
 

Altri articoli dalla provincia...











FIGC - Svincoli a 24 anni, è ufficiale

Novità dal 1° luglio per quanto riguarda lo svincolo per decadenza di tesseramento (art. 32bis Noif) e variazione anche nel tesseramento dei “giovani dilettanti”.C...leggi
10/07/2022








Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,08987 secondi