Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


COPPA ITALIA - Immobile elimina l'Udinese

Bianconeri sempre all’altezza ma, nell’extratime, un guizzo dell’attaccante decide il match dell’Olimpico (13 ammoniti…). Unica soddisfazione di giornata il 3 - 0 a favore dei friulani deciso dal Giudice Sportivo in relazione al match non disputato con la Salernitana (penalizzata di un punto). E’ però atteso il ricorso del club campano

LAZIO - UDINESE  1 - 0 (dopo tempi supplementari)
Gol:
106’ Immobile

LAZIO: Reina, Lazzari, Luiz Felipe, Patric (115’ Vavro), Marusic (35’st Hysaj), Milinkovic Savic, Leiva (1’st Cataldi), Luis Alberto, Felipe Anderson (103’ Romero), Muriqi (26’st Immobile), Zaccagni (1’st Moro). A disposizione: Strakosha, Adamonis, Rodriguez, Floriani, Bertini. Allenatore: Sarri.

UDINESE: Silvestri, Becao, Perez (108’ Nuytinck), Zeegelaar, Soppy, Samardzic, Jajalo (32’st Arslan), Walace (91’ Makengo), Udogie, Success (22’st Beto), Pussetto (109’ Nestorovski). A disposizione: Santurro, Piana, Ianesi, Castagnaviz, Damiani, Cocetta, Pinzi. Allenatore: Cioffi.

ARBITRO: Minelli di Varese. Assistenti: Galetto e Affatato. Quarto uomo: Massimi. Var: Rapuano. Avar: Liberti.

NOTE: serata tiepida, terreno in buone condizioni. Ammoniti: Becao, Zeegelaar, Pussetto, Luiz Felipe, Patric, Cataldi, Hysaj, Felipe Anderson, Soppy, Perez, Arslan, Moro, Sarri. Angoli: 7 - 5 per la Lazio. Recupero: 2’ + 4’ + 1’ +2 ‘.

ROMA. Battuta in campo, vittoriosa in…Tribunale: è un martedi agrodolce per l’Udinese. I bianconeri escono, infatti, dalla Coppa Italia, battuti soltanto nei supplementari - dopo una gara dignitosissima e a tratti autoritaria - da un guizzo di Immobile. Ma, in campionato, guadagnano tre punti in classifica (arrampicandosi a quota 23) dopo la decisone del Giudice Sportivo che ha assegnato il 3 - 0 a tavolino in relazione al match domestico non disputato lo scorso 21 dicembre con la Salernitana (penalizzata pure di un punto). Naturalmente non si tratta di sentenza definitiva, perché il club campano (affidatosi dall’avvocato Chiacchio) presenterà ricorso, facendosi valere presso la Corte d’Appello Federale e, in caso estremo, al Coni. Tornando alle vicende dell’Olimpico non si può che essere ottimisti in vista di Genova (in panchina, per i rossoblu, dovrebbe ritornare Maran dopo il mancato accordo con Labbadia, ndr): un’Udinese in parte “condizionata” dal turn over - che ha però permesso di registrare i confortanti progressi dei vari Soppy e Samardzic - ha infatti tenuto ampiamente testa alla Lazio ed avrebbe meritato di delegare la qualificazione ai quarti di finale ai calci di rigore. Piccolo inciso statistico: se a dicembre il match di campionato aveva partorito 8 segnature (4 - 4 il punteggio), stavolta sono state addirittura 13 le ammonizioni comminate da Marelli. In Lazio - Udinese, insomma, si esagera sempre…

LA CRONACA. A 7’ brivido freddo per la difesa della Lazio: sulla consueta, calibrata punizione di Samardzic, Success e Perez mancano di pochissimo la correzione. Immediata la replica biancazzurra: Zaccagni fa ammonire Becao, procurando un calcio piazzato che Luis Alberto sfrutta parzialmente, rimediando soltanto un corner. Ma sulla parabola dalla bandierina svetta Muriqi: il rientrante Silvestri replica nella maniera adeguata. Al 18’ Felipe Anderson “disegna” per Muriqi: Becao si arrangia come può e Perez spazza. Il duo laziale replica al 22’: Muriqi sale ancora in cielo tra Becao e Perez ma la “craniata” dell’attaccante è centrale e facile preda di Silvestri. Minuto 31: sulla nuova palla inattiva gestita da Samardzic, il pallone non trova nessun compagno puntuale all’appuntamento. Il tedesco decide allora di provvedere direttamente, ma il mancino non impensierisce Reina. Al 39’ Pussetto assiste Success: sul diagonale del numero 7 Marusic devia in scivolata. Al 41’ un’intrigante punizione dal limite per l’Udinese andrebbe sfruttata meglio di quello che fa Samardzic, il quale alza la parabola sopra la traversa. L’ultima annotazione del primo tempo è un destro altissimo di un fin qui deludente Luis Alberto.

E’ invece firmata Walace la prima conclusione della ripresa: il destro “masticato” termina docile tra le braccia di Reina. Molto più pericoloso è Success al 14’: servito con puntualità da Samardzic, il nigeriano partorisce un tiro che Reina devia di piede. E’ il momento del ragazzo classe 2002, abile a procurarsi due angoli consecutivi: nulla di fatto, però, in entrambe le occasioni. L’Udinese prende campo e torna di moda l’imprendibile Success: giallo per Patric, punizione eseguita stavolta da Jajalo, ma Reina abbranca. Cioffi sorprende tutti, togliendo l’ex Watford e inserendo Beto. Sarri manda invece in campo Immobile: esce Muriqi, visibilmente calato dopo un buon primo tempo. Il portoghese si manifesta al 27’, quando Reina smorza un suo tiro da pochi passi. Poco dopo Jajalo, sostituito da Arslan, non gradisce e lo fa sapere all’allenatore. Doppia palla - gol per la Lazio al 41’: Milinkovic Savic viene respinto al mittente da Silvestri e, sulla ribattuta a colpo sicuro di Moro, c’è il provvidenziale salvataggio di Udogie. E prima dei supplementari, Immobile arriva con un attimo di ritardo su una bella imbeccata di Milinkovic Savic.

Il primo “tempo extra” parte con l’ingresso, sul fronte bianconero, di Makengo per Walace. La Lazio spreca con Luis Alberto un’idea di Milinkovic Savic, mentre l’ Udinese scheggia l’incrocio con un piazzato gestito stavolta (minuto 98) da Arslan. La prima pagina del secondo supplementare è il vantaggio della Lazio: direttamente dalla propria metà campo Cataldi lancia Immobile che sfugge a Becao e Perez, scavalcando Silvestri con una deliziosa palombella. L’ Udinese non ci sta e Beto, di testa, sfiora l’incrocio. Ma è l’ultimo ruggito, agli ottavi ci va la Lazio.

LE PAGELLE: Silvestri 7, Becao 6,5, Perez 6, Zeegelaar 6, Soppy 6,5, Samardzic 6,5, Jajalo 6, Walace 6,5, Udogie 6,5, Success 7,5, Pussetto 5, Beto 5,5, Arslan 6, Makengo 6, Nuytinck sv, Nestorovski sv. Allenatore: Cioffi: 6. (r.z.).

Foto: profilo Twitter S.S. Lazio

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 18/01/2022
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,28741 secondi