Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


CJARLINS MUZANE - Domina e vince il Caldiero

Chiude con una brutta sconfitta interna il girone d'andata la formazione friulana, messa in netta difficoltà da Zerbato e soci. Espulso Ndoj al 37' del primo tempo. E nella ripresa c'è la resa...

CJARLINS MUZANE-CALDIERO TERME 0-2
Gol: 54’ Cherubin, 67’ Zerbato

CJARLINS MUZANE: Moro, Del Savio (46’ Akafou), Brigati, Ndoj, Dall’Ara, Poletto, Bussi, Pignat, Michelotto (65’ Venitucci), Agnoletti (61’ Bran), Rocco (46’ Tobanelli (69’ Forestan) - All. Massimiliano Moras

CALDIERO TERME: Aldegheri, N’ze Marcus, Baldani, Filiciotto, Rossi, Cherubin, Zerbato (80’ Moscatelli), Boldini (50’ Burato), Martone (77’ Braga), Viviani (53’ Manarin), Lerco (85’Rossignoli) - All. Tommaso Chiecchi

ARBITRO: Loris Graziano sez. di Rossano - Assistenti: Luca Marucci sez. di Rossano e Davide Gigliotti sez. Lamezia Terme.

NOTE - Espulso: 37’ Ndoj per doppia ammonizione. Ammoniti: 13’ Michelotto, 28’ Viviani, 39’ Boldini, 58’ Dall’Ara, 76’ Brigati. Calci d’angolo 2-5. Recupero: 1t. 4’ - 2t. 5’.

Si chiude con un tonfo casalingo il girone di andata del Cjarlins Muzane. Lo 0-2 subito per mano del Caldiero nell’ultima giornata, costringe la squadra di Moras ad una posizione di classifica lontana dall’auspicata zona play off. Le recriminazioni per il doppio fallo di Ndoj, alla luce delle immagini riviste appaiono del tutto insostenibili. Rimane una prova opaca di una formazione mai scesa mentalmente in campo ed incapace di opporre una resistenza adeguata nei confronti del Caldiero che da parte sua ha cercato con continuità la via della rete e di portare a casa un risultato positivo. Le reti degli ospiti sono arrivate nella ripresa. In vantaggio con Cherubin al 54’, i veronesi raddoppiano al 67’ con Zerbato che infila Moro con un chirurgico diagonale. I padroni di casa hanno parecchio da recriminare più sul loro atteggiamento che sulla prova continuamente contestata dell’arbitro che ha fischiato correttamente tutto quello che c’era da fischiare. Una prova da collocare immediatamente nel dimenticatoio, Serve un cambio di passo per poter ambire ad una classifica più consona al rango che merita la società di paron Zanutta.

La prima occasione della gara la confezionano gli ospiti dopo sette minuti dall’avvio. Lerco recupera palla sul fondo e la mette a limite dell’area piccola per Boldini che calcia a botta sicura sul primo palo, Moro si oppone salvando la porta.
Meglio il Caldiero nel primo quarto d’ora, costante la propensione offensiva degli ospiti che al 16’, sugli sviluppi di un’azione lungo l’out di sinistra, liberano Cherubin che entra in area ed impegna Moro che deve allungarsi in tuffo per neutralizzare l’iniziativa della squadra di Chiecchi. Ancora sugli scudi il Caldiero al 22’ quando, direttamente da rimessa laterale, la palla arriva nel cuore dell’area a Zerbato che si gira e calcia con Moro che la blocca in due tempi.
Fatica il Cjarlins a trovare spunti tra le maglie del centrocampo a cinque del Caldiero, che alla mezz’ora si presenta in area con Cherubin che innesca Martone che trova pronto Moro alla parata.
Sul fronte opposto la prima vera iniziativa vede accendersi Michelotto, che prende il tempo a Rossi, il quale poi mura in corner la conclusione dell’attaccante Udinese. La combina grossa al 37’ Ndoj che, già ammonito due minuti prima, si produce in una inutile entrataccia a centrocampo ai danni di Zerbato. Inevitabile il secondo giallo ed il successivo rosso sventolatogli in faccia dal signor Graziano. Cjarlins in dieci quando mancano otto alla fine del primo tempo, e che rischia di capitolare nell’ultimo dei 45’ minuti della prima frazione quando, su perfetto calcio d’angolo di Viviani, Moro esce a vuoto lasciando Zerbato libero di colpire a porta praticamente sguarnita, la dea bendata diventa amica del portiere celeste-arancio, la palla sfila fuori di un nulla con il capitano del Caldiero che si divora la più nitida azione da gol del primo tempo. Timidissima la reazione della squadra di casa che a tempo praticamente scaduto beneficia di un calcio di punizione al limite del lato corto dell’area di rigore, con Michelotto che calciando direttamente oltre la traversa. Squadre al riposo sul risultato di 0-0 e con i padroni di casa in inferiorità numerica a seguito dell’espulsione di Ndoj subita al 37’ del primo tempo.

Prova a mescolare le carte Moras ad inizio della ripresa: dentro Akafou per Del Savio mentre l’ingresso di Tobanelli per Rocco è una sorta di cambio obbligato. Resiste poco il nuovo fortino eretto a protezione di Moro, che al 54’ crolla sul colpo di tacco di Cherubin, pescato in area da Burato abile a tenere bassa una palla in uscita dalla difesa del Cjarlins colta di sorpresa sulla rimessa laterale. Caldiero in vantaggio, con il Cjarlins praticamente incapace di organizzare reazione adeguata. Abulica ed inconcludente la squadra di Moras si arrende per la seconda volta al minuto 67’ sul diagonale vincente di Zerbato, imbeccato in area dall’assistenza di Manarin.
La deludente prestazione della squadra di Moras potrebbe assumere i contorni di una pesantissima sconfitta anche dal punto di vista numerico. Moro nel secondo minuto di recupero nega la terza marcatura a Filiciotto. Sarebbe stato troppo? Troppo si, ma meritato!

Antonino De Blasi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

https://i.imgur.com/2W4aVZz.jpg

https://i.imgur.com/jAMM1j3.jpg

https://i.imgur.com/LSURatv.jpg


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 23/01/2022
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,13089 secondi