Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Trieste


BASKET - Trieste, sbagliare è umano, perseverare... E ora ad Assago

Continua la serie negativa della formazione giuliana, neppure la pausa è servita a rivitalizzarla. Coach Ciani: «Le difficoltà sono sotto gli occhi di tutti ma dobbiamo reagire e ripartire»

La Pallacanestro Trieste ha continuato a insistere….in negativo. Dopo gli stop con Brescia (campionato) e Tortona (Coppa Italia) anche le successive due sfide della serie A1 maschile hanno visto arrendere i biancorossi targati Allianz con Venezia e a Cremona (nel recupero infrasettimanale), sfoderando per lo più prove negative (salvo il primo tempo contro Brescia e i primi 10’ contro i piemontesi in coppa). E neanche la pausa di due settimane prima degli ultimi due stop è servita per rivitalizzare la compagine triestina. Sono mancate grinta e voglia in particolare e ora alla porta c’è l’impossibile trasferta al Forum di Assago per andare a trovare l’Armani Milano. Appuntamento alle 17.30 domenicali con fischietti in bocca al trio arbitrale Roberto Begnis di Crema – Alessandro Perciavalle di Torino – Marco Catani di Pescara.

Così il coach Franco Ciani: «Difficile fare un commento. Mercoledì avevamo una prova importante da sostenere dopo la partita con la Reyer, in cui – al di là del grande valore dei nostri avversari – non eravamo stati assolutamente brillanti e adeguati. Era una sorta di prova di appello importante e obiettivamente non l’abbiamo sfruttata. Le difficoltà sono sotto gli occhi di tutti, ma dobbiamo ritrovare una identità, che – dalla partita giocata e vinta al PalaVerde di Treviso – abbiamo smarrito. I problemi ci sono stati e continuano a esserci, ma dobbiamo accantornarli, reagire e ripartire in questa parte finale del campionato per non vanificare quanto di buono fatto nella prima parte della stagione».
Il play Corey Sanders junior: «Subito dopo la partita ci siamo parlati, perché puoi sbagliare un tiro o una difesa, ma i match vanno affrontati con un altro spirito. E non bisogna preoccuparsi per T-Shon Alexander, sta lavorando duro per inserirsi nei meccanismi ed è un giocatore bravo. Abbiamo uno staff valido e ci saprà indirizzare per tirare fuori il meglio. Dobbiamo metterci concentrazione e voglia, poi vedremo come andranno i prossimi incontri».

In foto coach Ciani (fonte Triestenews)

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 11/03/2022
 

Altri articoli dalla provincia...



PALLAMANO - Trieste iscritta in serie A2

La Pallamano Trieste comunica di avere iscritto la prima squadra al campionato di serie A2 per la stagione sportiva 2022/23 riuscendo a salvare 52 anni di storia conditi da 17 scudetti, 6...leggi
26/06/2022

BASKET - Italia a lezione dalla Slovenia

ITALIA – SLOVENIA  71 - 90(Parziali: 23 - 27, 37- 53, 48 - 77) ITALIA: Spissu 8, Tonut 5, Petrucelli 6, Polonara 12, Severini 7, Della Valle 6, Flaccadori 5, Udom 2, W...leggi
25/06/2022


PALLAMANO - Trieste cadetti promossi in A2

PALLAMANO TRIESTE – OLIMPICA DOSSOBUONO 35-29 (21-17)PALLAMANO TRIESTE: Aldini 6, Baragona, Del Frari, Grosu, Doronzo L., Hrovatin 9, Nait 4, Parisato 4, Mazzarol 3, Jerman, Urbaz ...leggi
17/05/2022













Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,14998 secondi