Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Gorizia


LA PARTITA - Diallo trascina l'Ufm. Il Ronchi alla fine cede

Il derbissimo regala agonismo, emozioni e una partita vibrante e combattuta fino al termine. La spunta con merito la squadra di Gregoratti

UFM – RONCHI 2-0
Gol: 38’ Diallo, 48’st Battaglini

UFM: Grubizza, Alessandro Rebecchi (26’st Tranchina), Di Matteo, Cesselon, Damiani, Battaglini, Molinari (38’st Clede), Diallo, Puntar, Aldrigo, Marijanovic (40’st Solaja). A disposizione: 12. Brussi, 13. Iacumin, 14. Lo Cascio, 16. Minin, 17. Guerin, 20. Tommaso Milan. All. Stefano Gregoratti.

RONCHI: Martin, Esposito (17’st Malaroda), Visintin, Furlan (19’st Venier), Stradi, Bucca, Piccolo (24’st Dominutti), Felluga (38’st Rosu), Bozic, Sirach, Veneziano (34’st Kocic). A disposizione: 12. Giomo, 13. Andrea Rebecchi, 14. Tel, 16. Putzu. All. Stefano Caiffa.

ARBITRO: Marco Anaclerio sez. Trieste. Assistenti: Biagio Belfiore sez. Maniago, Daniele Carbone sez. Trieste.

NOTE - Ammoniti: Alessandro Rebecchi, Battaglini, Diallo, Marijanovic, Felluga, Sirach, Veneziano, Dominutti. Espulso: Bucca.

MONFALCONE - Aspettative molto alte per il pubblico accorso numeroso al Comunale Boito di Monfalcone a gustarsi questo derby della Bisiacaria tra Ufm e Ronchi che mancava dalla stagione 2005/06 e indubbiamente sconsigliatissimo ai cardiopatici. Una tribuna quindi gremita di sportivi, qui ce n’è davvero tanti, mentre l’altra in rifacimento: le maestranze hanno fissato l’inaugurazione per il 7 gennaio, ci spiega il presidentissimo di casa Rodolfo Lugli “con un sogno nel cassetto, disputare la finale di Coppa Italia il giorno seguente proprio sul nostro campo designato per tale evento dalla Federcalcio regionale". Un sogno che potrebbe davvero materializzarsi dal momento che la partita d’andata disputata contro il Casarsa, capoclassifica del girone A, è stata vinta con il punteggio di 3-1. "Peccato – rincara Lugli – che la loro rete sia stata realizzata a fine gara nei minuti di recupero! La sfida di ritorno avrebbe potuto essere forse, e sottolineo forse, più agevole”.

A ciò, aggiungiamo noi, che l’Ufm, prima in classifica, 15 gol fatti e solamente 4 subiti (la porta inviolata da 3 gare) sembra testimoniare che, guardando solo ai risultati, la squadra sia in salute e invece appena la settimana scorsa la rosa era decimata e la vittoria, sofferta e meritata, contro il generoso Santamaria la si deve soprattutto ai giovani fuoriquota che hanno saputo ben sostituire i più esperti compagni. Buon per mister Gregoratti che avrà avuto conferme che la sua società ha saputo lavorare bene e che i ragazzi messi a sua disposizione quest’anno sono pronti per recitare un ruolo da protagonisti.
Diverso invece il discorso per i ronchesi, retrocessi lo scorso anno dall’Eccellenza che non sembrano ancora aver preso le misure con la categoria, anche se la squadra sulla carta appare all’altezza per recitare altri ruoli ben più importanti. Non sembra plausibile infatti accettare che questa squadra debba lottare per non venire risucchiata nella lotta per non retrocedere. Pochini i gol fatti, per la precisione 8, e da migliorare il tabellino di quelli subiti, 9. Quindi quale migliore occasione di rilancio se non questa del derby?
Tante le suggestioni: due comuni limitrofi che fossero uno solo esprimerebbero circa 40.000 abitanti, più del loro capoluogo Gorizia! E allora potremmo anche definirla una stracittadina. Tanti anche gli ex: il ds ronchese Andrea Brugnolo, ex presidente dell’altra sponda, l’allenatore dell’Ufm Gregoratti che lo scorso anno sedeva sulla panchina dei rivali di oggi e poi, citiamo a memoria, alcuni giocatori che oggi si sfidano ma nel recente passato vestivano maglie dai colori invertiti: Malaroda e Piccolo del Ronchi da un lato e Grubizza e Milan dell’Ufm dall’altro.

Completo grigio per i cantierini e maglia amaranto per i legionari. Veniamo ai moduli proposti dai due omonimi allenatori. Stefano Gregoratti per l’Ufm propone un 4–3–2–1 decisamente più propositivo e vario in fase offensiva con Molinari e Diallo dietro al possente centravanti Marijanovic ma si possono notare frequenti ed interessanti inserimenti a turno di Battaglini Puntar e Aldrigo in grado di creare spesso superiorità e scompiglio tra le maglie avversarie.
Stefano Caiffa schiera in campo un classico 4–4–2 dove Veneziano agisce da centravanti supportato da Bozic.

Il primo quarto d’ora vede le due squadre molto attente a studiarsi e ad annullarsi a vicenda. Al 15’ infatti il primo sussulto: Aldrigo si incunea in area, giunge quasi a tu per tu con il portiere ospite Martin che devia in extremis e in calcio d’angolo la palla calciatagli praticamente addosso. Inizia così il tambureggiante assalto dei monfalconesi a cui rispondono ordinatamente i ronchesi ma in maniera poco incisiva. A ripetizione prima al 26’ Marijanovic devia un cross di testa per l’accorrente Diallo che sparacchia a lato di poco. Di lì a poco, al 30’ ancora Diallo pericolosamente di testa sopra la traversa. Il match ora è davvero molto combattuto com'è giusto per un derby: tanto agonismo, ma sostanzialmente partita molto corretta da ambo le parti. L’arbitro, molto English, fischia poco e lascia giocare. La supremazia territoriale appare abbastanza evidente e per i padroni di casa Diallo sembra davvero ispirato. Ottime le sue giocate tanto da costringere gli avversari al cambio di marcatura su di lui ma la musica non cambia.
Al 33’ preludio del gol: Diallo allunga la sfera per Puntar che non si fa pregare e lascia partire un bolide in diagonale a mezz’altezza che finisce di poco a lato. Al 37’ Ronchi pericoloso con Bozic che allunga bene per Visintin in prossimità dell’area monfalconese, ma la difesa si chiude bene. Sul capovolgimento repentino di fronte, riceve una palla filtrante servita alla perfezione da Molinari il solito Diallo che si libera al limite dell’area avversaria, si presenta da solo davanti al portiere in uscita e lo trafigge con un rasoterra che batte sul palo interno e si insacca per il vantaggio.
I cantierini insistono con il Ronchi in evidente affanno, ma la prima frazione di tempo termina così.

Il secondo tempo si apre con un’incursione interessante del Ronchi per opera di Felluga ma la difesa si rifugia in angolo e l’occasione sfuma. Ma subito ricominciano a macinare gioco i giocatori di Gregoratti e al 5’ da segnalare una pericolosa azione fermata per un fuorigioco fischiato a Puntar dopo che Diallo aveva rubato palla sulla trequarti avversaria e si era riproposto in avanti molto pericolosamente. All’8’ vengono accesi i riflettori mentre l’Ufm insiste in avanti per chiudere la partita ma senza successo. Al 10’ Martin para un tiro di Marijanovic; quindi subito dopo invito di Molinari per Diallo che in area siede a terra letteralmente con una doppia finta sia Bucca che Piccolo e quindi tira in porta ma la palla gli viene respinta dal portiere che smanaccia in out alto sulla traversa. Al 21’ Bucca entra scompostamente in contrasto con Battaglini che rimane a terra: fallo ed espulsione diretta per il giocatore ronchese decretata dall’arbitro. A nulla ovviamente servono le proteste e da ora in poi la gara cambierà registro. L’arbitro fischierà tutto e dispenserà cartellini a destra e a manca per contenere gli eccessi. Saltano le marcature, Ronchi spesso palla a spiovere in avanti e Ufm che agisce pericolosamente di rimessa. Al 22’ ecco un bel tiro in diagonale di Cesselon servito da Aldrigo impatta sulla traversa a portiere battuto e termina out. Al 31’ si accende una mischia a centrocampo e volano colpi proibiti. L’arbitro ferma il gioco, guarda, calma gli animi e poi seraficamente ammonisce. Il gioco riprende e il Ronchi si getta in avanti con la forza della disperazione. Punizione da circa 35 metri battuta al 37’ da Bozic fuori di poco.
In azione di rimessa il neoentrato Clede, imbeccato da Diallo, impegna al 44’ il portiere Martin che para a terra. Ogni azione adesso può essere fatale perché entrambe le squadre sono stanche e allungate. Al 46’ bella rovesciata in area monfalconese di Kocic che termina a lato di un niente. Al 48’ il raddoppio di Battaglini che, servito alla perfezione da Diallo, sempre lui, si presenta al limite dell’area dopo aver percorso una decina di metri palla al piede e solo davanti al portiere in uscita marca la seconda rete. Di fatto la gara si chiude qui perché ormai non c’è più tempo per niente.

L’Ufm conquista dunque meritatamente i tre punti contro un volitivo e coraggioso Ronchi che merita senz’altro un posto in classifica più alto ma la sensazione ricevuta oggi dai cantierini è che questi saranno una delle squadre, se non la squadra, da battere in questo campionato. La gara è stata maschia, a tratti avvincente e spettacolare con rapidi cambiamenti di fronte, nessuno si è tirato indietro e restiamo convinti che entrambi gli allenatori alla fine chi per un verso chi per l’altro avranno elogiato i propri giocatori. Un appunto forse va fatto ai pur bravissimi padroni di casa: in futuro sarà utile cercare di amministrare con più sagacia una gara che stai vincendo e con un uomo in più, ma queste sono cose che si dicono da fuori dove è sempre facile parlare ma poi, in fondo, quando si vince si è sempre dalla parte del giusto! Complimenti e basta. Buona, infine, la direzione di gara.       

 https://i.imgur.com/jkl6dmA.jpgCARICA LA ROSA - Consigli utili per l'inserimento delle liste

© RIPRODUZIONE RISERVATA

https://i.imgur.com/sccDulq.jpg

https://i.imgur.com/PPUL6ST.jpg

https://i.imgur.com/EcR8omy.jpg

https://i.imgur.com/wGlGK1L.jpg

ITALIAGOL – Importante aggiornamento dell’app per tutti i dispositivi

Disponibile per Android tramite Play Store e iPhone tramite Apple Store, basterà eseguire l’update per poter usufruire della nuova versione dell’applicazione per seguire tutte le notizie e ricevere i risultati in tempo reale di tutto il calcio dilettantistico locale

- DOWNLOAD PER IOS
- DOWNLOAD ANDROID

Rilasciato un importante aggiornamento di Italiagol, l’App che da 8 anni sta accompagnando la redazione e gli utenti di FriuliGol.it nell'aggiornamento di risultati e notizie del calcio giovanile, dilettantistico e amatoriale del Friuli- Venezia Giulia.

La nuova versione è disponibile per tutti i dispositivi Android ed è scaricabile tramite Play Store (clicca qui) e per gli iPhone scaricabile tramite Apple Store (clicca qui). Per chi ha già l'applicazione installata sarà solo necessario effettuare l'aggiornamento.

Importante: una volta installata la nuova versione, gli utenti che, oltre alla lettura di risultati e news, vorranno fornire aggiornamenti dei risultati delle loro squadre, dovranno effettuare il login, o la registrazione per chi non si è mai registrato. Disponibile anche il login via account Facebook, per iPhone anche via account Apple.

https://i.imgur.com/4z0SGul.png

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 12/11/2022
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,19435 secondi