Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Pordenone


ECCELLENZA - Cassin fulmina il Chions. Pro Fagagna, impresa gigante

L'undici di Barbieri domina la prima parte di gara e si porta avanti 2-0. Poi i rossoneri spengono il "faro" Andelkovic, guadagnano metri e confezionano un clamoroso 3-2...

PRO FAGAGNA - CHIONS  3-2
Gol: 3’ Vittore, 10’ Valenta, 34’ Frimpong, 59’ S.Domini, 83’ Cassin

PRO FAGAGNA: Nardoni, Bozzo, Venuti (11’st Petrovic), Clarini D’Angelo (36’st Zuliani), Peressini, Iuri, Craviari (40’st Righini), Tell (11’st Cassin), Domini, Pinzano, Frimpong (28’st Dri). A disposizione: Zuccolo, Ermacora, Fadini. Allenatore: Giatti.

CHIONS: Tosoni, Boskovic, Vittore, Andelkovic, Tomasi (17’st Tomasi), Diop, Musumeci (35’st Rinaldi), Consorti (19’st Consorti), Corvaglia (1’st Bolgan), Valenta, Borgobello. A disposizione: Segato, Stosic, Fraschetti, Palazzolo, Zanchetta. Allenatore: Barbieri.

ARBITRO: Alessandro Biscontin sez. Pordenone. Assistenti: Danilo Patat (sez. Tolmezzo) e Denis Roman Fulin (sez. Maniago).

NOTE - Ammoniti: Bozzo, Domini, Vittore, Diop, Consorti, Valenta, De Anna, Spadera. Espulso: Diop.

Cielo coperto, con squarci di azzurro, temperatura rigida che si aggira intorno ai 5°C, campo in buone condizioni ma scivoloso, pubblico abbastanza numeroso per questa gara che a rigor di logica si presenta come la più importante tra i 4 anticipi di questa seconda giornata di ritorno del campionato di Eccellenza.
Pantaloncini neri, calzettoni rossi e maglia a strisce verticali rossonero per i locali; maglia gialla con richiami blu, pantaloncini blu e calzettoni gialli per gli ospiti.
Il Chions presenta un modulo 3–4–3, dove recitano in attacco Musumeci, Valenta e Corvaglia; la Pro Fagagna risponde con un classico 4–4–2, Domini e Frimpong le 2 punte.

Primi 15 minuti da incubo per una frastornata Pro Fagagna che sembra essere rimasta ancora nello spogliatoio! Una sola squadra in campo, il Chions, e per giunta di un’altra categoria, superiore naturalmente. Pronti via e primo brivido per Nardoni perché Corvaglia si ritrova praticamente solo in piena area ma controlla malamente la palla allungandosela e l’azione sfuma sul fondo. Al 2’ Valenta tira in porta da posizione piuttosto decentrata sulla sinistra del portiere, questi in tuffo rimette goffamente al centro dove si avventa Vittore che ribatte in rete per il primo vantaggio: 0-1 e palla al centro. Al 9’ Boskovic taglia letteralmente il campo dall’estrema destra all’altezza del centrocampo con un diagonale che va a pescare Vittore dall’altra parte del campo, all’estrema sinistra, questi a sua volta crossa in area e Nardoni si rifugia in angolo. Attenzione che questa giocata non è uscita così per caso perché la rivedremo durante la gara in almeno altre tre occasioni. Tuttavia dal calcio d’angolo battuto alla sinistra del portiere di casa, si avventa sul pallone prepotentemente in area Valenta che trascina la palla in rete: 0-2 e non sono neppure trascorsi 10’!

Al quarto d’ora la prima timida azione dei padroni di casa, protagonista Musumeci che devia di testa oltre la traversa appena dentro l’area di rigore una palla spiovente proveniente dal centrocampo. Poi ancora monologo del Chions che commette il grave errore di andare in controllo della gara e affondare ma con poca determinazione, consentendo alla Pro Fagagna di riorganizzarsi. L’unico che affonda e che interpreta a dovere la gara sembra essere il capitano Vittore, scatenato sulla fascia sinistra. Probabilmente la chiave tattica che segna la svolta della gara è l’aver capito che l’ottimo Andelkovic, n. 4 del Chions, era il metronomo da fermare! Infatti era lui che dettava tempi, passaggi e geometrie ai suoi e quindi andava aggredito alto sulla sua trequarti campo. Con questo accorgimento dettato forse dalla panchina o recepito in autonomia dai centrocampisti rossoneri la Pro Fagagna si ritrova ad aver alzato il proprio baricentro di almeno 15 metri, determinanti.
L’inerzia della gara cambia e al 30’ registriamo la prima avvisaglia grazie ad una impetuosa percussione di Iuri che appoggia a Domini il quale, però, conclude malamente alto sopra la traversa. Un minuto dopo Tell crossa in mezzo e trova Frimpong che murato da tre difensori calcia in maniera sbilenca e la palla finisce tra le braccia di Tosoni che stava recuperando la posizione. Il gol è nell’aria. Siamo al 33’, Diop compie un autentico harakiri facendosi soffiare ingenuamente la palla da Clarini che immediatamente la indirizza alta sul secondo palo per Frimpong, questi controlla, rientra sul piede destro e gonfia la rete per il meritato 1-2. Partita riaperta.
Al 39’ altro tentativo autolesionistico questa volta ad opera del pur bravo portiere ospite che nel tentativo di rinviare scivola e rimette la palla proprio appena fuori area sui piedi degli avanti ospiti che però non sanno approfittare dell’inaspettato regalo e l’azione sfuma. In chiusura di frazione, al 40’ il concreto Craviari si fa apprezzare per un tentativo di pallonetto con palla calciata da centrocampo; il portiere, posizionato troppo alto e spiazzato nell’occasione, si vede costretto a rincorrere una palla a ritroso che per sua fortuna esce di poco terminando la sua corsa sul fondo. Al 44’ il solito Vittore galoppa imperiosamente sulla fascia sinistra e in corsa mette al centro un’invitante palla per l’accorrente Corvaglia che di testa alza sopra la traversa. Termina qui il primo tempo con il parziale di 2-1 per la squadra ospite. Però la gara è definitivamente aperta e molto combattuta. I 18 punti di differenza in classifica non si notano più, anzi, nonostante il tasso tecnico più elevato espresso dal Chions, la Pro Fagagna sembra interpretare e leggere meglio la contesa.

Il secondo tempo inizia con una lieve supremazia territoriale del Chions ma al 14’ un lungo traversone gettato in area da Venuti viene ribattuto corto dai difensori gialloblù al limite dell’area, qui si avventa sulla sfera Domini che sigla il 2-2 con un preciso rasoterra a fil di palo castigando l’incolpevole Tosoni.
Ora i padroni di casa ci credono. Al 16’ capitan Pinzano calcia molto bene a giro verso il “sette” più lontano da circa 25 metri ma la palla, anche se precisa, risulta lenta e di facile lettura per Tosoni che sventa la minaccia. È questa una fase della gara in cui il Chions cerca di riversarsi in avanti, mentre la Pro Fagagna si difende con ordine lasciando partire pericolose controffensive in contropiede. Al 23’ Cassin scalda il piede su punizione da posizione interessante ma la palla si impenna e termina molto alta sopra la traversa.

In una delle numerose uscite in contropiede al 37’ ecco che ancora Cassin arma il destro e quindi calcia un’autentica sassata da circa 35 metri che trova l’incrocio alto dei pali alla destra del portiere proteso in un disperato tuffo aereo che nulla può. Davvero una rete spettacolare che da sola vale i soldi del biglietto.
Il Chions tutto proteso in avanti alla ricerca del pareggio si espone ai contropiedi avversari. Al 45’ spettacolare ripartenza degli udinesi: riceve palla a centrocampo Domini che serve in verticale Pinzano, questi prolunga per Zuliani e quindi palla all’incontenibile Cassin che impegna Tosoni in una parata capolavoro con palla deviata miracolosamente in angolo. Due minuti dopo, al 47’, a spezzare l’ennesima ripartenza rossonera, Diop è costretto ad un rude fallo tattico che gli vale l’espulsione per doppia ammonizione.
Gli ultimi 3 minuti registrano ancora palle gettate nel mucchio in avanti a cercare un improbabile pareggio che non arriverà. L’arbitro, per la verità un po’ discutibile in alcune scelte con un paio di ammonizioni a nostro giudizio ingiustificate, fischia il termine delle ostilità in campo dopo aver concesso 5’ di recupero. I nervi sono tesi e volano fortunatamente solo male parole e “cattivi apprezzamenti” tra i protagonisti sotto gli occhi dell’arbitro e dei suoi assistenti. In settimana staremo quindi a vedere se l’accaduto è finito nel referto arbitrale con tutto ciò che ne consegue.

Loris Garofalo

Foto: Michele Bortolussi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

https://i.imgur.com/Q0tONAv.jpg

https://i.imgur.com/g5eio5n.jpg

https://i.imgur.com/BM9v13v.jpg

https://i.imgur.com/wGlGK1L.jpg

ITALIAGOL – Importante aggiornamento dell’app per tutti i dispositivi

Disponibile per Android tramite Play Store e iPhone tramite Apple Store, basterà eseguire l’update per poter usufruire della nuova versione dell’applicazione per seguire tutte le notizie e ricevere i risultati in tempo reale di tutto il calcio dilettantistico locale

- DOWNLOAD PER IOS
- DOWNLOAD ANDROID

Rilasciato un importante aggiornamento di Italiagol, l’App che da 8 anni sta accompagnando la redazione e gli utenti di FriuliGol.it nell'aggiornamento di risultati e notizie del calcio giovanile, dilettantistico e amatoriale del Friuli- Venezia Giulia.

La nuova versione è disponibile per tutti i dispositivi Android ed è scaricabile tramite Play Store (clicca qui) e per gli iPhone scaricabile tramite Apple Store (clicca qui). Per chi ha già l'applicazione installata sarà solo necessario effettuare l'aggiornamento.

Importante: una volta installata la nuova versione, gli utenti che, oltre alla lettura di risultati e news, vorranno fornire aggiornamenti dei risultati delle loro squadre, dovranno effettuare il login, o la registrazione per chi non si è mai registrato. Disponibile anche il login via account Facebook, per iPhone anche via account Apple.

https://i.imgur.com/4z0SGul.png

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 21/01/2023
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,12475 secondi