Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Pordenone


IL CASO - Chiarot: lasciati in buoni rapporti. Ammirati: mai mollare

Alta piccola vicenda come all’andata nel match tra Flumignano e Sesto Bagnarola, che si è risolto nel migliore dei modi grazie al buon senso delle due società. Il vicepresidente ospite spiega: “Avremmo voluto rinviarla ma metà squadra non era disponibile nelle due date proposte dalla Figc”. Risponde il pari grado della formazione di casa: “Si sono comportati abbastanza bene e noi non vogliamo creare polemiche. I ragazzi mi hanno fatto un bel regalo a scendere in campo, ero in lacrime”. Chiude il presidente del Comitato Regionale, Ermes Canciani: “Solidarietà ad entrambe le società”

Terminata nel migliore dei modi la diatriba che ha tenuto banco alla vigilia tra Flumignano e Sesto Bagnarola  (Seconda categoria D), per il mancato rinvio della gara, richiesto dalla formazione di casa ma che la compagine ospite non ha potuto concedere per cause di forza maggiore. Alla fine il buon senso ha avuto la meglio ed i sani princìpi del calcio regionale hanno prevalso come nel caso del vicepresidente locale, Ammirati, che si è lasciato andare con i suoi ragazzi in un pianto di commozione per ringraziarli di essere scesi comunque in campo.
Questa la spiegazione del vicepresidente del Sesto Bagnarola Chiarot: “Mi ha chiamato il presidente del Flumignano venerdì pomeriggio dicendo che aveva i due portieri fuori e voleva rinviare la gara. Io ho risposto che avvisare di venerdì è un po’ tardi, ma ho chiesto di parlarne con la Figc, che ha risposto che si sarebbe potuta recuperare l’8 o il 15 marzo. Noi abbiamo una squadra giovane, con cinque che vengono dal Veneto da lontano e sei studenti. Per loro era impossibile giocare in quei giorni ed all’orario prestabilito ed abbiamo dovuto rispondere negativamente alla loro proposta di posticipare. Se non ci fossero stati problemi, l’avremmo rinviata sicuramente. Loro hanno accettato la situazione seppure con qualche seccatura ma oggi sono uscite le loro dichiarazioni che cambiavano le carte in tavola. Noi abbiamo chiesto ai ragazzi di non infierire: al primo tempo eravamo 5-0 ed abbiamo inserito i ragazzi che non avevano quasi mai giocato ma è finita 8-0. Alla fine ci siamo lasciati anche in buoni rapporti con il Flumignano, il presidente dice che quelle dichiarazioni non le ha fatte e va bene così”.

La risposta del vicepresidente del Flumignano Evaristo Ammirati: “Noi eravamo in difficoltà di presenze, in particolare ci mancavano i due portieri che erano ammalati. Abbiamo chiesto il rinvio, ma loro hanno risposto negativamente con delle motivazioni che non ci sono piaciute e non ci sono sembrate molto sportive. Alla fine per noi non è un problema, se gli altri cercano di essere un minimo sportivi noi non vogliamo creare polemiche e di fatti a fine gara ci siamo anche lasciati in buoni rapporti. Si sono comportati abbastanza bene. Per il resto andiamo avanti, cerchiamo di sbloccarci ed andare almeno a +2 per togliere il numero negativo in classifica. Oggi qualche ragazzo aveva qualche dubbio se giocare o meno, un paio erano contrari a disputare la gara. Il caso vuole che il problema si è creato all’andata proprio contro il Sesto Bagnarola, ma ho chiesto ai ragazzi in lacrime dicendo che stavo soffrendo ma i ragazzi sarebbero stati liberi di giocare o meno. Alla fine hanno deciso di giocare e mi hanno fatto un bel regalo. È un premio alla volontà, ai sentimenti e ai valori a cui siamo ancora legati”.

Chiosa alla fine il presidente del Comitato Regionale, Ermes Canciani: “Ero a Flumignano con il vicepresidente Chiarvesio per testimoniare la vicinanza alle società. Dopo tutte le polemiche del pre-gara era doveroso sia per la squadra di casa che è stata penalizzata, l’altra perché è stata messa “dietro alla lavagna” per aver segnato troppi gol. Siamo solidali con entrambi i presidenti”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

https://i.imgur.com/ast34I2.jpg

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 26/02/2023
 

Altri articoli dalla provincia...






IL PUNTO - La nuova Terza categoria

Sarà il match di ritorno dei play-out tra Zompicchia e Aris San Polo a determinare l'ultima squadra retrocessa dalla Seconda categoria. La sfida si ...leggi
23/05/2024













Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,12711 secondi