Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


DRAG STORE - Del Pin: è stato un anno positivo, peccato per la Coppa

Con le 23 reti realizzate, il bomber si è aggiudicato il titolo di capocannoniere del Girone Oro A Vittoria della LCFC, conquistato proprio dalla compagine di Manzano. Resta però il rammarico per l’eliminazione con la Valmeduna: “Ci ha lasciato l’amaro in bocca”

Il Drag Store ha trionfato nel Girone Oro A Vittoria della Lcfc e lo ha fatto anche grazie alle 23 reti siglate dal suo bomber, Simone Del Pin, che gli sono valse il titolo di capocannoniere. Un’annata da incorniciare per l’attaccante della formazione di Manzano, anche se resta il rammarico per l’eliminazione dalla Coppa ad opera della Valmeduna: “È stato un anno molto positivo, c’erano un bel gruppo e un’ottima gestione societaria. Potevamo però ambire a qualcosa di più in Coppa. L’eliminazione contro la Valmeduna ci ha lasciato l’amaro in bocca e brucia ancora. Quest’anno è andata così, il prossimo anno bisogna alzare l’asticella”.

In campionato, però, il Drag Store ha chiuso al primo posto proprio davanti alla Valmeduna e al Majano: “Erano due squadre molto valide, erano le migliori dopo di noi. Il Majano aveva bei giocatori e un buon attaccante. Anche il Tolmezzo non era male, però ha mollato alla fine”.

Con un trascorso nei dilettanti con le maglie di Manzanese, Aurora, Pro Roman, Trivignano, Buttrio, per citarne alcune, ora Del Pin calca i campi della categoria amatori:
“Qui si trova la passione che spesso manca nei dilettanti. Dicevo sempre che l’amatore non lo avrei mai fatto. Poi però, tra lavoro e famiglia, è stata una scelta di vita. Ora ho il sabato e la domenica liberi”.

Per Del Pin gli amatori sono dunque un buon compromesso per coniugare calcio e impegni familiari: “Non bisogna mollare il calcio, bisogna mantenere viva la voglia di giocare. Poi negli amatori arrivano giocatori di categoria e il livello si alza”.

Infine, per quanto riguarda il prossimo anno, il bomber non dovrebbe muoversi da Manzano: “A meno di strane circostanze, resto al Drag Store”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 21/07/2023
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,13656 secondi