Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


RANGERS - Avvicendamento in panchina. D'Andrea: visioni diverse

Nonostante un inizio di 2024 positivo, il club rossonero cambia allenatore e si affida a De Nardo per completare l'operazione salvezza

Anche ai Rangers di Udine è andato in scena l'avvicendamento alla guida della prima squadra, impegnata nel girone C di Seconda categoria. Il divorzio consensuale tra il club rossonero e l'allenatore Max D'Andrea è arrivato nonostante i positivi risultati colti in questo inizio di 2024, che ha visto la formazione cittadina perdere un rocambolesco derby con il Chiavris, ma superare il quotato 3 Stelle e impattare con altre due "big" del raggruppamento, ossia Tarcentina e Aurora. Al posto di D'Andrea è stato chiamato al timone della squadra Victor De Nardo, tecnico che in passato ha allenato per diverse stagioni nelle giovanili della società guidata dal presidente Mauro Marrandino

Dal canto suo, Max D'Andrea spiega: "Certo che dispiace che la collaborazione finisca così, nel bel mezzo della stagione. Si erano però create delle visioni diverse e forse questa è la soluzione migliore. Dal canto mio, credo di aver lavorato bene in questo anno e mezzo di Rangers e ho la coscienza tranquilla, perché ho dato il massimo per far crescere questo gruppo di ragazzio. A disposizione ho avuto una rosa molto ampia, di 30 giocatori, quindi non facile da gestire. Ritengo che ci siano tutti i presupposti per mantenere la categoria, adesso la squadra dovrà affrontare diverse gare con formazioni che hanno meno punti in classifica e potrà quindi recuperare ulteriore terreno in classifica, fermo restando che quest'anno il campionato è salito di livello e l'elevato numero di retrocessioni fa paura a tutti".  

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 07/02/2024
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,13335 secondi