Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


ECCELLENZA - Gashi: "A marzo sarò al 100% per trascinare l'Azzurra"

Il centravanti ha ripreso ad allenarsi stabilmente con la squadra e lo fa intensamente, puntando a ritrovare la forma migliore entro 20 giorni: “Mi alleno al massimo e spero recuperi presto anche Corvaglia. Il gruppo aveva bisogno di una scintilla e ora è il momento di inanellare un filotto di risultati utili”

 

L’Eccellenza ha riabbracciato il suo spietato bomber dall’animo gentile. A distanza di quasi un anno dal grave infortunio che ha pregiudicato la stagione alla Pro Gorizia e dopo un problema muscolare che ne ha ritardato il pieno recupero, a fine gennaio Valmir Gashi è tornato in campo in gara ufficiale con indosso la maglia dell’Azzurra Premariacco, la squadra che ha scommesso su un gruppo di attaccanti d’esperienza, classe e fiuto del gol per puntare all’obiettivo salvezza. A quasi 34 anni la grinta del centravanti permane immutata e viene alimentata da ambiziosi stimoli che denotano la sua inscalfibile forza mentale:

“L’infortunio subìto lo scorso anno al tendine d’Achille è stato una brutta batosta, perché tra i peggiori che possano capitare. Dopo un intenso lavoro di recupero, in questa stagione ho provato a rientrare in campo a novembre, ma sovraccaricando la gamba sana mi sono procurato uno stiramento muscolare che mi ha costretto nuovamente in infermeria. Adesso sto bene, tuttavia ho ripreso ad allenarmi con la squadra da meno di 3 settimane e mi ci vorrà ancora un po’ di tempo per tornare in forma. La mia struttura fisica mi richiede maggiore pazienza per ritrovare la condizione, ma sto dando il massimo per rimettermi quanto prima. Credo che verso fine febbraio o l’inizio di marzo potrò essere a completa disposizione del mister, per giocare tutti i novanta minuti e trascinare la squadra”.

Gashi ha rappresentato sin qui un’assenza pesante nella stagione dell’Azzurra Premariacco, condizionata dalle indisponibilità di numerosi attaccanti. Un’annata che, dopo un avvio sorprendente, ha vissuto una parentesi molto buia, culminata con il cambio di allenatore. Il nuovo mister, Michele Campo, ha raccolto 5 punti in 6 partite, riportando la squadra alla vittoria nello scorso week end; un successo che mancava dal 15 ottobre:

“Mister Michele Campo è innanzitutto una bravissima persona, e poi un grande appassionato che vive per il calcio e non trascura alcun dettaglio. Lui, assieme ai nostri preparatori, sta dando l’anima per migliorare le cose e ora speriamo anche di recuperare tutti gli elementi della rosa perché, in particolare nel reparto d’attacco, per troppo tempo la squadra si è affidata al solo Lorenzo Puddu. Ha ripreso l’attività anche Alessio Corvaglia, ma è un elemento che va gestito con attenzione. Avere o non avere giocatori come lui, che da anni milita in Eccellenza, cambia molto nell’andamento di un’annata. Ritengo che al gruppo mancasse una scintilla. È vero che non abbiamo mai sfigurato, ma spesso le cose non sono andate nel verso giusto e questo ha pesato sul nostro livello di fiducia. Domenica siamo andati a cercarci la vittoria più delle altre volte, abbiamo messo qualcosa in più e anche le circostanze hanno girato a nostro favore”.

La squadra di Premariacco è ora attesa da un’importante serie di scontri diretti, fondamentali per la lotta salvezza:

“Adesso è arrivato il momento giusto per inanellare un filotto di risultati utili, perché siamo sulla buona strada; in allenamento vedo che i miei compagni vanno a mille e godono di una maggiore autostima. Sabato contro il Codroipo affronterò Fabio Franti, il mister che mi ha allenato la scorsa stagione alla Pro Gorizia; lo considero un amico con il quale ho conservato un buon rapporto. Assieme a lui ho disputato un bell’anno, purtroppo condizionato dal grave infortunio”.

Il centravanti è giunto alla decima stagione della sua carriera in Eccellenza, e lo scorso autunno ha sposato con entusiasmo il progetto della neopromossa Azzurra Premariacco, squadra per la quale deve ancora trovare la via del gol:

“Ora gioco vicino a casa, dato che abito a Cividale, e dal momento in cui mi sono accordato con l’Azzurra Premariacco non ho mai ricevuto fretta ne pressioni da parte dei dirigenti per recuperare dall’infortunio. La società mi ha aspettato e quando a dicembre ho ricevuto alcune richieste dal mercato, le ho rifiutate, decidendo di rimanere e completare l’annata, perché mi ritengo una persona di parola e i componenti di questo club meritano rispetto”.

Il prossimo 3 marzo Gashi spegnerà 34 candeline, ma conserva immutata la grande voglia di continuare a divertirsi e competere all’interno del rettangolo verde:

“Purtroppo questo per me è un anno di transizione. Devo pensare a recuperare la forma, quindi il mio primo obiettivo è riprendermi al 100%. Sono un soggetto che nella vita non molla mai, quindi guardo a una nuova annata che sarà nel campionato di Eccellenza o in quello di Promozione, ma comunque in squadra che punterà alla vittoria. Anche se sto invecchiando ce la metterò tutta per tornare quello di un tempo e smentire chi non crede che questo sia possibile”.

Luca Ursig

© RIPRODUZIONE RISERVATA

https://i.imgur.com/CyBU0n9.jpeg

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 08/02/2024
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,12790 secondi