Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Pordenone


ECCELLENZA - La velocità del Rive sconvolge i piani del Fiume

La squadra di Rossi si impone per 4-2 sui neroverdi di Colletto, che sviluppano molto gioco, ma rischiano troppo in difesa contro le sortite di Fiorenzo, Comisso e soci...

RIVE D’ARCANO FLAIBANO – FIUME VENETO BANNIA 4-2
Gol: 5’ e 62’ Comisso (RF), 35’ Clarini (RF), 56’-94’ Sclippa (FB), 68’ Kabine (RF)

RIVE D’ARCANO FLAIBANO: Lizzi M., Degano, Tomadini, Clarini, Parpinel, Vettoretto, Burba (Cozzarolo), Goz, Comisso (De Agostini), Secli (Gori), Fiorenzo (Kabine). A disposizione: Zanin, Domenicone, Ruffo, Burelli, Busi. All.: M. Rossi.

FIUME VENETO BANNIA: Zanier, Dassie, Zambon, Iacono, Di Lazzaro D., Di Lazzaro A.(Cardin) , Schugur (Sclippa), Pluchino (Barattin) , Sellan, Da Ros, Sbaraini (Fabbretto) . A disposizione: Ciciulla, Krasniqi, Sforza, Girardi, Alberti. All.: C. Colletto.

ARBITRO: F.Allotta. Assistenti: M. Gonella, M. Prandin.

NOTE - Ammoniti: Parpinel (RF). Angoli: 3-8.

La società di casa, viste le nefaste previsioni meteo, aveva già deciso ad inizio settimana di optare per il sintetico di Cisterna preservando nello stesso tempo sia il manto del R. Picco di Flaibano ma anche la possibilità dei giocatori di disputare la gara su un campo perfettamente praticabile.
Una bella partita, con tanti gol e due squadre che hanno giocato un buon calcio. Un Rive Flaibano però messo meglio in campo o, perlomeno, nel modo più congeniale ai suoi uomini. Fiume Bannia invece con un bel volume di gioco ma troppo rischioso nelle retrovie dove i locali, pur privi di capitan Kabine, loro giocatore simbolo, schieravano due elementi veloci come Comisso e Fiorenzo.
Ed infatti dopo solo 5 minuti Vettoretto (oggi capitano) supera la metà campo e serve Fiorenzo, velo di quest’ultimo per il compagno Comisso che elude i due difensori e fredda Zanier per il vantaggio.
Al 16’ primo squillo del Fiume Bannia con Sbaraini che calcia fuori di poco. Al 18’ bella combinazione dei locali con Fiorenzo che serve Secli a centro area: palla che supera di un soffio il fantasista ben posizionato. Al 22’ Di Lazzaro A. calcia dal limite di prima intenzione con palla che sfiora il palo alla destra di Lizzi. Al 25’ Comisso imbecca Secli anticipato in area di un soffio. Al 26’ Clarini comincia a prendere le misure calciando alto al volo dal dischetto del rigore per poi, dieci minuti più tardi, calciare da fuori area mandando la sfera a fil di palo con Zanier impotente: 2-0.
La squadra di Rossi conclude la prima frazione con un’azione da manuale: 5 passaggi di prima a cercare Secli che colpisce di sinistro appena dentro l’area con palla ad accarezzare il sette alla destra dell’estremo ospite.

Ripresa che inizia con un Fiume Bannia determinato a riaprire la gara e già al 53’ ci prova Dassie calciando rasoterra di poco a lato. Al 56’ Sclippa raccoglie un traversone di Iacono e colpisce al volo, Lizzi non riesce a deviare la palla che entra in rete: 2-1. Al 61’ Fiorenzo e Comisso volano in contropiede ma, nonostante la superiorità numerica, non riescono a concludere. Ancora Sclippa al 62’ conclude da vicinissimo ma Lizzi si supera. Azioni con ribaltamenti di fronte vorticosi e al 62’ Fiorenzo porta a spasso mezza difesa che dimentica Comisso, furbescamente servito dal compagno: rasoterra di piattone e distanze ristabilite sul 3-1.
Al 68’ schema da calcio d’angolo degli uomini di Rossi, palla a Burba che da fuori area colpisce di collo pieno con potenza e Zanier respinge come può, Clarini si avventa sulla sfera colpendo una clamorosa traversa, nella carambola Kabine s’inventa una splendida “bicicletta” con Zanier ancora battuto: 4-1.
La partita finisce qui anche se il Fiume Bannia continua a provarci trovando però il 4-2 con un ottimo Sclippa solo un minuto prima del triplice fischia del signor Allotta.
Una gara meglio interpretata da Rossi che ha anche fatto ruotare i suoi uomini, complici le squalifiche di Lizzi A. e Colavetta e con un Kabine a mezzo servizio e tenuto inizialmente precauzionalmente in panchina .
Fiume Bannia che, come detto, ha sviluppato un buon gioco cercando di sfruttare la fisicità e corsa del capitano Iacono che ha imperversato sulla destra. Tattica però troppo rischiosa, quella adottata in difesa, ritrovatasi più volte in parità numerica contro il veloce attacco di casa.

Continua l’ascesa del Rive d’Arcano Flaibano che stacca a quattro punti i rivali odierni e si ritrova ora ad solo punto dalla coppia Tamai - Tolmezzo, quarti a pari merito. Rossi recita di una salvezza ancora da conquistare e guai farsi scorgere a parlare di altri obiettivi, anche perché è ancora troppo fresco e ha, forse, lasciato il segno il ricordo traumatico delle prime nove partite.

Sabrina Midena

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 11/02/2024
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,57146 secondi