Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


DIANA - Da Pieve: vittoria complicata, scintilla di fiducia

Il neo tecnico dei biancoazzurri commenta il positivo esordio in casa contro il Nimis, rivale diretto per la salvezza. E ora sotto col derby...

Buona la prima sulla panchina del Diana per Titta Da Pieve, insediatosi in settimana al posto di Foschiani. I biancoazzurri si sono infatti aggiudicati il delicato scontro salvezza con il Nimis, regolato per 3-1.

A fine gara, così il neo mister: “È stata una gara molto combattuta, eravamo e siamo entrambi in una situazione complessa, una vittoria avrebbe giustamente rilanciato le speranze. Potevamo andare sotto all’inizio, poi piano piano abbiamo preso campo e segnato, forse potevamo anche chiuderla. Nella ripresa, siamo stati in controllo fino al 2-0, poi una disattenzione ha permesso loro di accorciare ma alla fine siamo stati bravi a chiuderla. Nel complesso, abbiamo avuto più occasioni noi”.

Il successo, che al Diana mancava da otto turni, si spera sia un buon viatico per il futuro: “Questa è una piccola scintilla da parte nostra in vista delle prossime gare. I ragazzi erano un po’ sfiduciati perché i risultati non arrivavano, c’era paura, ora speriamo che questa vittoria ci dia autostima, che è la componente fondamentale per migliorarci”.

Il tecnico inizia ad assaporare il girone B di Prima Categoria: “Essendo stata una gara tra due squadre di bassa classifica, mancava un po’ di qualità, è inutile negarlo, però ho visto ad esempio un ottimo Rivignano contro il Mereto. In generale, ci sono 4/5 squadre di livello, una fascia intermedia e poi noi a lottare per la salvezza. La salvezza si è accorciata, ma il livello complessivo del girone mi è ancora difficile stabilirlo”.

E il calendario ora propone una classica, ossia il derby a Ragogna: “Per noi è uno spartiacque importante se vogliamo pensare di dare continuità, senza questa non possiamo pensare in grande. Il Ragogna è forte ma noi dobbiamo fare risultato, che sia una vittoria o un pareggio, non possiamo perdere perché minerebbe le nostre certezze. Senza girarci intorno, da qui in poi saranno tutte finali”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 12/02/2024
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,12070 secondi