Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Pordenone


LIVENTINA S.O. - Roman: "Sto portando la mia mentalità alla squadra"

La salvezza é sinonimo di lavoro e intensità .Dopo la sosta, la formazione sacilese ha cambiato ritmo raccogliendo solo risultati positivi. Tra i protagonisti della svolta c’è il classe ’99, con un trascorso in Serie D: “Credo tantissimo che il lavoro e l’intensità possano portare ancora più soddisfazioni. Se continuiamo così possiamo diventare un bel punto di riferimento per il territorio”

 

Dopo la pausa invernale la Liventina San Odorico ha raccolto solo risultati positivi che stanno aiutando, quanto mai prima in campionato, i sacilesi ad uscire dalla zona più pericolosa della classifica. Lavoro, intensità e mentalità le parole che stanno guidando il lavoro iniziato da settembre da Davide Roman e compagni. Il giovane classe 1999 ha sposato il progetto bianco-azzuro a pochi passi da casa. Con l’esperienza maturata in settori giovanili importanti e numerose presenze in Serie D ed Eccellenza, sta dando una grossa mano a mister Ravagnan con prestazioni di livello e gol pesanti, l’ultimo domenica in casa dell’ex capolista Vigonovo.

Periodo d’oro per la Liventina. Dopo la pausa invernale solo risultati positivi: 2 pareggi e 3 vittorie. C’era da aspettarselo?
“Per come ci siamo sempre allenati e per il valore del mister, sinceramente, mi aspettavo che risultati positivi arrivassero ben prima. Sono arrivati solo adesso dopo un periodo difficile ma credo tantissimo che il lavoro e l’intensità possano portare ancora più soddisfazioni. Dobbiamo fare i conti, poi, con la differenza tra allenamento e partita dove la domenica devi confrontarti effettivamente contro formazioni di categoria, e non è sempre facile".

 Autore di due gol pesantissimi nelle ultime 4 gare, tra cui quello di ieri decisivo, su rigore, per vincere contro l’ex capolista Vigonovo. Com’è stato battere una pretendente alla vittoria finale? “Parto dal fatto che vincere è sempre bello, e aiuta a vincere. Una vittoria come quella di ieri, allo scadere, è stata tanto inaspettata quanto importante e va condivisa con tutta la squadra. Sono abituato a non pensare all’avversario se non quando non me lo trovo fisicamente davanti. Loro sono una grande squadra che sta facendo un ottimo campionato e meritano la posizione che ricoprono. Abbiamo sofferto all’inizio la loro superiorità ma poi le partite si giocano in campo e ieri non posso negare che ci sia andata bene. Ci godiamo la bella vittoria, ma pensiamo già alla prossima partita".

Cresciuto nel settore giovanile del Pordenone Calcio con presenze importanti in Serie D, tra cui Tamai, Este e Union Feltre e con l’esperienza più bella al Lia Piave in Eccellenza veneta, ora al fianco dei sacilesi.

Quanto conta tutta l’esperienza del tuo ruolo nella squadra e dove può arrivare la Liventina San Odorico? “La mia mentalità è sempre rimasta la stessa, anche se pensavo di salutare definitivamente il calcio giocato ma mi hanno convinto a rimettere su gli scarpini a pochi passi da casa. Alla fine mi sono affezionato al gruppo e al clima che ho trovato a Sacile e da cosa nasce cosa. Cerco di trasmettere la mia mentalità al gruppo per provare a fare quel saltino in più domenica dopo domenica, senza porci un obiettivo. La società, il ds Segatto e il mister Ravagnan, stanno lavorando in un’ottica più ampia, che si allarga anche a tutto il settore giovanile e stiamo cercando di crescere sotto tutta una serie di aspetti. È chiaro, poi, che la prima squadra è legata ai risultati e speriamo di continuare a farli. Se continuiamo così possiamo fare bene e diventare anche un bel punto di riferimento per il territorio sacilese". (e.m.)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 12/02/2024
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,12031 secondi