Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Pordenone


PRIMA A - Corner decisivi a San Vito: Azzanese salva, amarezza Camino

I colpi di testa di Pignat e Puiatti, da azione di corner, regalano la salvezza alla formazione biancazzurra. La maggior proposta di gioco e il momentaneo pareggio di Perdomo non bastano al Camino, retrocesso in Seconda Categoria

 

AZZANESE - CAMINO 2-1 (0-0)
Gol:
65’ Pignat (A) ; 70’ Perdomo (C) ; 77’ Puiatti (A)

AZZANESE: Brunetta, Barzan, Faccini, Gangi, Faccioli, Pignat, Rorato (72’ Verardo), Di Noto, Puiatti (90’ Shahini), Stolfo (86’ Sartor), Toffolo. A disposizione: Rosset, Tondato, Azez, Marcuz, Vidal, Daci. Allenatore: Alberto Toffolo

CAMINO: Mazzorini, Peresan, Degano, Villotti, Perdomo, Pandolfo, Rumiz, Scodellaro (83’ Tossutti), Pertoldi (72’ Favaro), Pressacco, Piccotti. A disposizione: Gobbato, D’Anna, Biancotto, Baron Toaldo, Todisco, Pellizzoni, Trevisan. Allenatore: Luca Nonis

ARBITRO: Matteo Vendrame (Trieste)

NOTE - Ammonizioni: 18’ Gangi (A) ; 71’ Peresan (C). Corner: 6 (A) ; 6 (C). Recupero: 1’ ; 5’ 

Stesso numero di punti, stesso bilancio tra vittorie, pareggi e sconfitte durante la stagione regolare, ma solamente una delle due può confermare la Prima Categoria. Ad aggiudicarsi lo spareggio salvezza del girone A è l’Azzanese, che sul campo neutro di San Vito al Tagliamento sconfigge di misura il Camino, condannandolo alla retrocessione.

Davanti a una cornice di pubblico da grandi occasioni, è la squadra giallorossa a far impennare le già elevate temperature della gara, attraverso la violenta botta da fuori area di Pressacco, alzata in corner dal decisivo riflesso di Brunetta. La formazione di mister Nonis denota maggior ritmo e incisività, affacciandosi con insistenza nell’area di rigore avversaria, e sfiorando l’eurogol al minuto 20 con Picotti, che in acrobazia manda la palla a fil di palo. L’Azzanese viene fuori alla distanza, rendendosi pericolosa al 41’ grazie all’elegante combinazione tra Toffolo, Di Noto e Stolfo, con tiro di quest’ultimo che sorvola di poco la traversa. Sul fronte opposto non è da meno lo scambio che coinvolge Presacco e Rumiz, ma il numero 7 tergiversa un tempo di troppo, consentendo la tempestiva chiusura di Faccini, sulla sirena della prima frazione.

Nel secondo tempo il gran caldo rallenta la fluidità del gioco di entrambe le squadre, comportando inizialmente numerosi errori tecnici ed interruzioni, fino al minuto 60’ quando Pressacco regala il primo squillo, calciando alta una punizione dai 35 metri. Poco dopo il portiere Brunetta viene scavalcato dall’arcuato calcio d’angolo eseguito da Scodellaro, ma il colpo di testa di Rumiz, appostato alle sue spalle, non inquadra la porta, mentre al 64’ l’estremo difensore rischia ancor di più, non controllando un retropassaggio di un compagno, e riuscendo a evitare l’autorete per questione di centimetri. Tuttavia, a trovare il gol del vantaggio è l’Azzanese, appena un minuto più tardi: Gangi batte un tiro dalla bandierina dalla sinistra, raggiungendo a centro area la fronte di Pignat, che devia la sfera in fondo alla rete. Costretto a tentare la rimonta, il Camino alza il forcing e replica per le rime. È il 70’ quando, da azione di calcio d’angolo, la sfera danza pericolosamente in area; Rumiz conclude a botta sicura trovando il salvataggio di un avversario, ma sulla ribattuta di Pandolfo nessun difensore può intervenire e il numero 5 ristabilisce così la parità. Il nuovo equilibrio dura però 7 minuti appena, perché sugli sviluppi di un ulteriore corner l’Azzanese colpisce ancora, questa volta grazie alla precisa incornata di Puiatti. Il Camino crede nella nuova rimonta e sfiora il gol all’84': Presacco calcia di potenza un piazzato dal limite dell’area, impegnando Brunetta nella respinta di pugno; l’azione prosegue e sulla spettacolare conclusione di Villotti il numero 1 è ancora decisivo, spingendo la palla sulla traversa con la punta dei guantoni. I giallorossi si scoprono, consentendo al neo entrato Verdaro d’involarsi incontrastato a tu per tu con Mazzorini, ma la sua finalizzazione rimbalza su entrambi i montanti, mantenendo viva la contesa. Tuttavia, non bastano cinque minuti di recupero al Camino per trovare la via del gol, venendo condannato alla retrocessione dal triplice fischio dell’arbitro Vendrame. A gioire è l’Azzanese, che dopo 6 gare senza vittoria, ritrova il successo nel momento decisivo, quello che vale la permanenza in Prima Categoria.

Luca Ursig

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 12/05/2024
 

Altri articoli dalla provincia...








IL PUNTO - La nuova Terza categoria

Sarà il match di ritorno dei play-out tra Zompicchia e Aris San Polo a determinare l'ultima squadra retrocessa dalla Seconda categoria. La sfida si ...leggi
23/05/2024











Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,17766 secondi