Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


UBF - Guerin: Arcaba-Barel duo che si presenta da solo

Il presidente si sofferma sulle caratteristiche che vorrebbe per la sua squadra nella prossima stagione, in cui cercheranno di tornare prontamente in Promozione: "Lo scorso anno è mancata la mentalità e la convinzione. Vogliamo gente che ci crede e che sa soffrire per raggiungere un obiettivo"

 L'Ubf riparte dalla Prima categoria dopo una retrocessione amara e lo fa da un duo tecnico dal grande curriculum. A presentarlo è il presidente Corrado Guerin, il quale vorrebbe nella prossima stagione, una squadra che sappia soffrire: "Come direttore sportivo è arrivato Predrag Arcaba ed insieme a lui abbiamo valutato chi potesse essere il miglior candidato per la panchina e alla fine è arrivato l'accordo con mister Nerino Barel che ha un ottimo curriculum. Lui ha abbracciato il nostro pensiero in pieno quindi è stato il benvenuto. Veniamo da una retrocessione molto sofferta e ci siamo affidati a due personalità, nei due ruoli fondamentali quindi mister e ds, sicuramente molto conosciute ed apprezzate in tutto il panorama calcistico regionale. Spero possano aiutarci a riprenderci e a ripartire per tornare in Promozione. Il campionato sarà durissimo, ci sono tante pretendenti tra cui, uno su tutti, il Teor che è una s ocietà importante, ma ci proveremo. Il calcio non è una scienza esatta, ogni anno ha una dinamica a sè e per ora non possiamo far altro che affidarci a due persone super qualificate".

RINFORZI - "Lo scorso anno è mancata un po' di mentalità e forza caratteriale. La squadra era composta da ottimi calciatori, molto forti, ma è mancata la testa e poi senza dubbio gli infortuni ci hanno messo i bastoni tra le ruote. Ci è mancata la convinzione, quindi il prossimo anno vogliamo gente che ci crede, che ha voglia di lottare e soffrire per il raggiungimento di un obiettivo".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 11/06/2024
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,15199 secondi