Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Trieste


IL BOMBER - Paliaga: nuova avventura al Muggia

Reduce da un infortunio l'attaccante lascia il Kras per approdare alla corte di mister Carola. «Erano tanti anni che mi cercavano. Credo a questo progetto»

Dall’inedita esperienza di allenatore nel torneo triestino a sette Crese Cup (complice uno stop fisico da smaltire) – con al fianco il padre Giorgio come dirigente – l’attaccante David Paliaga “ha preso il microfono” per fare il punto della situazione.

David, resti al Kras?

«No, ho lasciato il Kras per iniziare una nuova avventura nell’ambito del progetto Muggia 1967. Ho lasciato un bel ricordo a Repen visto che siamo stati promossi, sperando che i biancorossi possano fare un bel campionato nella prossima stagione e auguro loro il meglio».

Perché il sì a questa nuova realtà?

«È da tanti anni che cercano di prendermi a Muggia; dopo questa fusione mi hanno chiesto di far parte di questo gruppo e personalmente credo molto in questo progetto e in questa fusione. Ho parlato con il direttore sportivo “Bubu” Rebez e con l’allenatore Carola».

Quale potrà essere l’obiettivo?

«Mi aspetto un campionato duro, in ogni caso abbiamo una squadra strutturata. La salvezza tranquilla è il primo obiettivo, ma mi piacerebbe essere almeno a metà classifica e magari puntare ai play-off».

E a livello personale?

«La priorità sarà fare bene come gruppo. Se potrò aiutare la squadra, sarò contento e, perciò, se potrò fare degli assist per mandare in gol qualche compagno, sarà una bella soddisfazione. In ogni caso, mi piacerebbe arrivare a 18 – 20 reti».

Come sono andati i colloqui con i dirigenti?

«Mi hanno detto che si partiva dall’avere due formazioni che sono state messe insieme per avere un gruppo già formato. In ogni caso, sono stati inseriti dei nuovi giocatori. Oltre al sottoscritto e in attesa magari di qualche altro acquisto, sono stati presi Sabadin, Andrea Dussi dal Sistiana Sesljan, il 2005 Angelini dalla Triestina, il portiere pure del 2005 Giancarlo Diaz Suarez dal San Luigi e Carlo Palmegiano, di proprietà del Cjarlins Muzane e reduce dal prestito al Brian Lignano«.

A livello fisico come stai?

«Mi ero fatto male nell’ultima partita di campionato in casa del Sant’Andrea, riportando una frattura corticale mediale del piede sinistro. Sono in recupero e mi fa ancora un po’ male. L’ultima settimana di luglio inizierà la preparazione del Muggia 1967, probabilmente il 28 o il 29. Io, però, potrò al massimo solo correre. Auspico comunque di tornare presto e spero di essere a disposizione per l’inizio del campionato».

Massimo Laudani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 07/07/2024
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,12628 secondi