Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Pordenone


TIM CUP - Remontada Pordenone contro il Lecce. Che impresa!

Partita pirotecnica al Bottecchia. Sotto di due gol i neroverdi rimontano da 0 - 2 a 3 - 2 e approdano al quarto turno di Coppa. Unica formazione di Serie C a centrare l'obiettivo

Una rete di testa di Parodi allo scadere dei tempi regolamentari, regala il passaggio del turno al Pordenone contro il Lecce. Una sfida poco adatta ai deboli di cuore, capace di entusiasmare il numeroso pubblico presente allo stadio Bottecchia, e tenerlo in bilico fino al fischio finale. Un Lecce, di grandi palleggiatori con un attaccante di cui sentiremo parlare a lungo nel prosismo futuro, autore di una doppietta d'autore, che porta il nome di Di Piazza, si fa rimontare il doppio vantaggio da un Pordenone gagliardo e mai domo. Nonostante lo 0-2 maturato ad inizio ripresa, l'undici di Colucci, ha spinto sull'accelleratore con grande determinazione, riuscendo a ribaltare una gara che pareva segnata. Una prova di grande carattere e di forza, a dimostrazione delle parole del proprio tecnico, che ha sempre ripetuto che dai suoi esige sempre il massimo. E più di cosi da questi ragazzi, non ci si poteva attendere, contro la corazzata pugliese, allestita per salire in Serie B. Una gara giocata su dei buoni ritmi, con i padroni di casa più propositivi rispetto ai leccesi, ma sempre tenuti in allerta dalla velocità degli avanti avversari. Parte bene il Pordenone, che al terzo sfiora il vantaggio: Gerardi pesca Ciurria in area, che solo davanti al portiere, calcia di poco a lato. Passano tre minuti e il Lecce passa: lancia millimetrico di Mancosu sulla corsa di Di Piazza, che scaglia una bordata imparabile alle spalle di Perilli. Al 10' azione dubbia in area pugliese con Misuraca, toccato da dietro, per l'incerto arbitro Chiffi non è fallo e si prosegue tra le proteste del pubblico. Il Pordenone prova a fare la partita, ma gli ospiti, spesso in dieci uomini dietro la linea della palla, fanno densità, rendendo difficile trovare spazio. Al 24 ci prova Lulli, ottima la sua prova all'esordio, con una botta da fuori che termina sul fondo. I padroni di casa si fanno preferire, ma il Lecce, con ordine argina tutto, difendendosi con ordine. Ad inizio ripresa arriva la doccia gelata per i neroverdi: ripartenza perfetta con un perfetto lancio per la corsa di Di Di Piazza, che si presenta solo davanti a Perilli, battendolo in uscita. Game over? No, Colucci rimescola le carte e manda in campo Pietribiasi al posto di Buratto, con lo scopo di aumentare la spinta offensiva. Ma la mossa decisiva, il neo tecnico di casa Lovisa, la produce al 32' quando inserisce un altro attaccante come Raffini al posto di Lulli. A quel punto la spinta diventa difficile da gestire per i leccesi, che iniziano a barcollare. Al 34', dopo un palo colpito da Ciurria, arriva il gol:tacco di Gerardi per il neoentrato Raffini, controllo e straordinario destro sotto l’incrocio lontano. Una perla il primo centro in neroverde dell’attaccante classe ’96. I neroverdi premono sull'accelleratore e al 38' i lfuretto Ciurria è steso in area. Penalty tarsformato da Burrai per un Bottecchia in piena esaltazione. Spinto dal calore del proprio pubblico, l'undici di casa si riversa in avanti e crea l'occasione decisiva. Gran tiro di Pietribiasi che Perucchini a fatica mette in angolo. Dalla bandierina Burrai pennella una traiettoria perfetta per la testa di Parodi, che in torsione, manda la sfera in gol. Pordenone 3, Lecce 2, e quarto turno di Tim Cup diventa realtà. Unica formazione di Serie C a raggiungere questo traguardo. Prossimo impegno a Novembre contro la vincente tra Cagliari e Palermo.

 http://i.imgur.com/d0mimw5.jpg

PORDENONE - LECCE 3-2
Gol: 6′ pt Di Piazza; 2′ st Di Piazza, 34′ Raffini. 38′ Burrai (rig.), 45′ Parodi.

PORDENONE : Perilli; Formiconi, Stefani, Parodi, De Agostini; Misuraca, Burrai, Lulli (32′ st Raffini); Ciurria (47′ st Boniotti), Buratto (8′ st Pietribiasi); Gerardi. A disp.: Meneghetti, Pellegrini, Silvestro, Facchinutti. All. Colucci.

LECCE: Perucchini; Ciancio, Cosenza, Marino, Di Matteo (30′ st Drudi); Lepore, Arrigoni, Mancosu; Di Piazza (22′ st Megelaitis), Caturano, Torromino. A disp.: Chironi, Vicino, Riccardi, Valeri, Monaco, Tsonev, Gambardella. All. Rizzo.

ARBITRO: Chiffi di Padova. Assistenti: Scatragli e Pagliardini di Arezzo. Quarto ufficiale: Zanonato di Vicenza.

NOTE: ammoniti Misuraca, Perucchini, De Agostini, Di Piazza, Formiconi e Caturano. Angoli 5-3. Recupero: pt 2′; st 4′. 1.600 spettatori, incasso 13.800 euro.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

http://i.imgur.com/nDJI6Z0.jpg


Print Friendly and PDF
  Scritto da Gianpaolo Leonardi il 12/08/2017
 

Altri articoli dalla provincia...


































Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,81943 secondi