Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Pordenone


PRIMA A - Rischi per la vetta, paure in coda

Terza di ritorno con una classifica incertissima. Scontro tra guru fra Geremia e Da Pieve. Caldarelli osservato speciale: va a caccia della terza tripletta

Terza giornata di ritorno nel girone A di Prima categoria che vede al momento tre squadre con un leggero margine di vantaggio sul resto del plotone. Una situazione ancora incerta, come lo è stato tutto il girone di andata e le prime due gare del ritorno e per questo quanto mai affascinante. Comandano Villanova e Sarone Caneva, tallonate a due lunghezze dal San Quirino. Il Villanova scenderà in campo spianando il miglior attacco del girone, andato a segno 37 volte, in quel di Ceolini, contro la seconda peggior retroguardia (44 gol subiti). Una gara che pare scontata, ma i giallorossi di casa sono già stati artefici di sorprese come quella riservata al San Quirino (superato per 1-0) o al Rivolto (2-1).
Molto più complicata, per l’ottimo stato di forma dell’Union Pasiano, la trasferta del Sarone Caneva. Con sette vittorie consecutive nelle ultime sette partite esterne la compagine tricolore, oltre ad avere conquistato il maggior numero di punti lontano da casa di tutti e tre i girone regionali, ha un Caldarelli in straordinario stato di forma. Due triplette e otto gol totali per lui da quando è arrivato ad inizio dicembre dal Prata Falchi che lo stanno spingendo ai vertici anche della classifica marcatori, al momento guidata da Fuschi (Azzanese) e Del Degan (San Quirino) con 12 reti. Il Pasiano, che per i strani giochi del calendario ha incontrato le tre bellezze in rapida successione, ha già fermato Villanova e San Quirino, costringendole alla divisione della posta, pertanto l’undici saronese è avvisato.
L’impegno sulla carta più agevole è quello del San Quirino, impegnato sul campo del Valeriano Pinzano, al momento invischiato nei bassifondi della classifica. I templari, dopo il roboante 6-1 rifilato al Sesto Bagnarola, non vogliono perdere terreno rispetto al duo di testa e presentarsi al rush finale con la possibilità di giocarsi le proprie carte.
Con quattro lunghezze da recuperare sul terzetto davanti l’Unione Smt occupa la quarta piazza con la prospettiva di rosicchiare qualche punticino. La formazione guidata da Bressanutti ospita l'alterno Ragogna, che nelle ultime uscite ha messo la testa fuori dai guai, ma non può dirsi del tutto tranquillo. I padroni di casa vengono da sei risultati utili, contro i due dei rossoblù udinesi.
Prova a rimanere al traino anche il Bannia che però dovrà fare i conti contro un Sedegliano battagliero come nelle caratteristiche del proprio tecnico Da Pieve. Una sfida tra due santoni del calcio regionale con Geremia a duellare con il collega con la prospettiva di cementare la posizione in classifica.
Interessante appare il confronto tra Rivolto e Vallenoncello con vista sul pianeta playoff. Incerto il pronostico con i pordenonesi letali lontani dal proprio rettangolo e i verdeblù prolifici a domicilio. Owusu sponda gialloblù e Maestrutti sponda udinese osservati speciali.
Delicata la sfida in programma a Rorai tra l’Union e l’Azzanese. I rossoblù di casa sono scivolati nelle sabbie mobili, mentre i blues di Buset devono evitare un passo falso che potrebbe risultare pericoloso.
Chiudono l’ultima domenica di gennaio i 90’ tra Sesto Bagnarola e Calcio Aviano. Occasione d’oro per i gialloneri di incamerare i tre punti rimescolando le carte della zona rossa. 


Print Friendly and PDF
  Scritto da Gianpaolo Leonardi il 24/01/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,56428 secondi