Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


SERIE B - Il Tavagnacco vuole tornare a vincere in casa

Arriva il Ravenna domenica alle 15 le gialloblù scendono in campo per dare continuità al successo di Bergamo in una sfida difficile. Si riparte dalla solidità difensiva

Il Tavagnacco domenica alle 15 contro Ravenna proverà a far valere il fattore campo. Due settimane fa, la sconfitta interna col Brescia aveva lasciato l’amaro in bocca soprattutto perché immeritata. Il successo di Bergamo dello scorso weekend è stato un riscatto immediato che ha riportato il sorriso in casa gialloblù. C’è quindi la voglia di riconquistare la vittoria anche tra le mura amiche. Spalti che saranno vuoti, l’incontro si terrà a porte chiuse. E’ stata una settimana in cui i numerosi contagi da Covid-19 nel mondo dello sport l’hanno fatta da protagonisti. In Friuli purtroppo il pubblico non entra. Fa chiarezza in questo senso il vice presidente del Tavagnacco, Domenico Bonanni: “Ci sono due grandi mondi: una normativa Figc sul calcio femminile piuttosto restrittiva che invita a tenere le porte chiuse. Mentre ci sono normative in alcuni territori che hanno aperto gli impianti a un numero limitato di spettatori con il distanziamento, la misurazione della temperatura e le procedure necessarie a contenere il contagio. Qui per salvaguardare la salute di tutti, abbiamo preferito concentrarci su questioni puramente calcistiche”.

Tornando a questioni di campo, sono tutte sfide importanti in un torneo equilibrato e anche questa non fa eccezione. Contro Ravenna sarà un bel confronto con tante motivazioni da una parte e dall’altra. Le romagnole stanno costruendo una squadra legata alla società maschile e possono contare su una struttura più solida. Viceversa, il Tavagnacco riparte dalla vittoria sofferta e importante contro l’Orobica.  Durante la settimana precedente c’erano stati molti piccoli problemi fisici da parte delle ragazze, ma questo non ha impedito di conquistare i tre punti in una sfida ruvida, piena di contrasti e con  due squadre che hanno cercato di non far giocare l’avversario. Non è stata una bella partita dal punto di vista tecnico; molti gli errori anche in virtù della mancanza di abitudine delle friulane a giocare sul sintetico. Qualche imprecisione in fase di costruzione e nell’ultimo passaggio c’è stato.

Le ragazze guidate da Chiara Orlando, però, hanno fatto vedere ottime cose soprattutto in fase difensiva. Si è rischiato pochissimo, Dieude e Veritti hanno chiuso ogni varco. Si è difeso di squadra, la fase difensiva è piaciuta molto all’allenatrice. In fase offensiva c’è da registrare ancora qualcosa, ma si è vinto sfruttando un errore dell’avversario e questo può diventare determinante in un campionato equilibrato come questo. Sul retropassaggio sbagliato, le gialloblù, con l’astuzia di Caterina Ferin, hanno segnato di rapina e portato a casa il match. Vincere aiuta a vincere. Specialmente se sei molto giovane e devi acquisire esperienza. L’età media di 20,2 anni scesa in campo titolare domenica scorsa, scesa a 19,7 con le sostituzioni, lascia ben sperare in ottica futuro. Il tempo è l’arma che serve alle calciatrici per migliorarsi individualmente e come collettivo. Ne è consapevole il vicepresidente Domenico Bonanni “Dopo la retrocessione a tavolino, il nostro progetto doveva ripartire dalla linea verde, dai giovani, dalle ragazze del territorio che vengono dalle categorie giovanili. Questo può rappresentare un rischio, ma allo stesso tempo un’opportunità”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 18/10/2020
 

Altri articoli dalla provincia...





SECONDA C - Tre turni a Pitton

Un dirigente e un calciatore sono gli unici a finire in castigo (si fa per dire...) all'esito dei provvedimenti presi dal Giudice sportivo di G...leggi
28/10/2020














Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,10195 secondi