Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


CHIAVRIS - Vidussi: dobbiamo essere più attenti

Lo storico tecnico grigioblu commenta la gara contro l'Udine United, terminata con il risultato di 2-2: "Un tempo per parte, loro sono stati bravi a passare in vantaggio e poi a raddoppiare in dieci uomini. Noi abbiamo chiuso bene il primo tempo e siamo tornati in campo in fiducia nella ripresa"

Tre espulsioni e quattro gol tra Udine United Rizzi e Chiavris,valevole per la quinta giornata di Seconda Categoria. Padroni di casa passati in doppio vantaggio che rimangono in dieci nel primo tempo ed addirittura in nove nella ripresa. Bravi i ragazzi guidati da Michele Vidussi a rientrare in campo con lo spirito giusto ed a rimontare, unendosi alla sagra delle espulsioni nel finale. Abbiamo ascoltato il parere del tecnico grigioblu non particolarmente soddisfatto da questo inizio di stagione: "Loro sono stati più bravi nel primo tempo e noi nel secondo. Sono andati in vantaggio ed hanno perso un uomo per doppia ammonizione. Sono stati in grado di raddoppiare in dieci uomini e per questo faccio i complimenti. Dalla mezzora al 45' siamo cresciuti e nella ripresa siamo andati in fiducia. Loro hanno perso un ulteriore uomo e siamo riusciti a pareggiarla con reti di Piva e Ibrahimi, rischiando di vincerla in varie occasioni, soprattutto in una circostanza con Gottardo. Quando siamo rimasti in dieci anche noi siamo calati nuovamente".

CAMPIONATO - "Fino ad ora altalenante. In cinque partite siamo riusciti a vincerne una ed a pareggiarne una, ma le altre le abbiamo perse di misura senza meritare la sconfitta. Sappiamo di essere una squadra molto giovane e vulnerabile per questo, ma rispetto all'anno scorso creiamo molto di più. Abbiamo un potenziale offensivo non indifferente ma dobbiamo crescere. Abbiamo perso partite rocambolesche, siamo in grado di impensierire tutti ma di incespicare per nostri errori".

AVVERSARIO MIGLIORE - "La squadra che mi ha impressionato di più è stata l'Ancona che abbiamo affrontato in coppa, però anche loro non hanno continuità di risultati. Ovviamente la mia favorita è il Cussignacco che fa un campionato a sè, togliendo loro penso che il campionato sia molto equilibrato".

MIGLIORIE - "Dobbiamo avere più attenzione soprattutto nella fase difensiva, abbiamo quasi sempre preso gol per banalità ed errori nostri".

ARBITRAGGIO - "Due espulsioni erano giustissime, una per loro e quella nostra, c'è da discutere sulla prima loro ma alla fine è stato un arbitraggio che non ha condizionato il match. Non voglio giudicare l'arbitro anche perchè non credo che abbia fatto la differenza, non c'è stato nulla di scandaloso".

FEDELTA' - "Non tengo neanche più il conto di quanti anni siano passati dal mio arrivo qui. Ho fatto dodici anni da calciatore ed altrettanti da allenatore".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 27/10/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,09884 secondi