Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Udine


FEMMINILE - Taborda e Maroni, dalla Lombardia a Tavagnacco

Belen, terzino destro, argentina, si sta riprendendo da un infortunio; Benedetta cerca maggiore spazio

Le squadre da dove provengono si sono giocate la promozione in Serie A nella passata stagione e il Como ha avuto la meglio sul Brescia. Ora, invece, si trovano dalla stessa parte Belen Taborda (nella foto) e Benedetta Maroni, nuovi acquisti del Tavagnacco.
La prima si sta riprendendo da un infortunio, a inizio 2022 ha accusato un problema all’anca. «E’ stata una esperienza ambivalente quella di Como. Bella perché la squadra ha vinto il campionato, brutta perché fin dal primo allenamento ho avuto la sfortuna di incappare in questo guaio fisico. Le mie compagne si sono meritate la promozione, è stato bello vederle festeggiare, peccato non aver potuto dare il contributo che volevo». Per Taborda l’inizio è stato nelle giovanili del Mozzanica, ma anche in Argentina non ha smesso di inseguire il pallone. «Il mio idolo è Javier Zanetti. Sono un terzino destro, all’occorrenza posso fare anche il difensore centrale. Penso di avere la giusta grinta, mi piace calciare in porta dalla distanza, spero che in maglia gialloblù mi vada bene più di qualche conclusione».
Benedetta Maroni  gioca terzino destro e predilige la difesa a quattro. Ha fatto le giovanili nell’Inter, un anno nella Roma Calcio Femminile prima dell’anno scorso a Brescia. «La mancata promozione con le rondinelle è una ferita ancora aperta. Abbiamo sbagliato un paio di partite, ci sono mancate forse un po’ di cattiveria e di furbizia nel finale». Di Tavagnacco l’ha colpita il progetto con tante ragazze nuove e giovani. La voglia di riscatto è tanta. «Vengo da una stagione poco positiva, nel senso che non ho trovato molto spazio. Il campionato è sempre più competitivo, sono fiduciosa, spero che potremo fare una bella stagione. Devo migliorare a livello tattico, ma ho una buona resistenza».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 02/08/2022
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,11556 secondi