Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Pordenone


PROMO A - Spal nel baratro. Benetti: "Dobbiamo ritrovare motivazioni"

I giallorossi cadono pesantemente a Fagagna e si ritrovano in fondo alla classifica. Il guerriero Benetti sprona i suoi

Da una stagione all’altra gli scenari possono cambiare in fretta. Lo sta toccando con mano  la Spal Cordovado, precipitata nel burrone dell ultimo posto, dopo la pesante sconfitta di Fagagna. Una squadra che lo scorso anno aveva dato bella dimostrazione di forza e carattere, ora si trova improvvisamente proiettata in una nuova triste situazione, inattesa alla vigilia, ma con la quale, al momento è costretta a fare duramente i conti. La società fa quadrato con mister Luciano Benetti e i ragazzi, cercando di scovare nel proprio interno quelle convinzioni, che paiono essersi sciolte come neve al sole, in queste 16 giornate di campionato. Il tecnico giallorosso è consapevole del momento nero “ Ora abbiamo toccato il fondo, peggio di così non potevamo fare. Personalmente non mi ero esaltato per i risultati della scorsa stagione, dove siamo arrivati ai playoff, allo stesso modo non mi fascio la testa in questo frangente. Mancano 14 gare alla fine, i giocatori sono rattristati per questa situazione, ma devono trovare nella loro testa quelle motivazioni che permettano di uscire da questo buco, dove ci siamo infilati”.
E' solo un problema legato alla testa?
“Posso dire che anche in questo periodo di feste ci siamo allenati bene, lavorando sodo, anche a livello di gioco abbiamo sempre proposto un buon calcio. Purtroppo nei momenti dove ti gira tutto storto, l’episodio non ti aiuta. Quando andiamo sotto non riusciamo più a tornare in partita, e questo è uno degli aspetti più difficile da interpretare, perché da sempre la Spal ha in dote caratteristiche di combattività”.
Lei mister è un combattivo per natura come le sue squadre, come si esce dalla situazione?
“Credendo in quello che si fa e per cui si lavoro tutta la settimana. Non eravamo dei mostri prima, non siamo dei brocchi ora. Se ritroviamo il nostro equilibrio e le nostre motivazioni sono certo che la Spal è in grado di risalire la china”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Print Friendly and PDF
  Scritto da Gianpaolo Leonardi il 09/01/2017
 

Altri articoli dalla provincia...


































Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,78280 secondi