Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Trieste


TRIESTINA - Milanese: «La serie B è il sogno di tutti»

L’Amministratore delegato degli alabardati presente all’Assemblea elettiva del Comitato regionale sottolinea le ultime ottime prestazioni della squadra contro le big del girone. «Raccolti 7 punti su 9. Cosa desidero di più? Salute alla squadra»

A margine dell’Assemblea elettiva per il rinnovo delle cariche del Comitato regionale del Friuli Venezia Giulia, tra gli ospiti illustri l’Amministratore delegato della Triestina Mauro Milanese, il quale non si sottrae ai nostri microfoni.

Che valutazione dare alla sua Triestina a poche giornate dal giro di boa?
«Dopo il cambio alla guida tecnica, con le prime tre in classifica abbiamo raccolto 7 punti su 9 disponibili, adesso ci toccano quelle partite che solitamente ci vengono meno bene. In questo momento manca un po’ di salute alla squadra. Tre giocatori non hanno mai giocato causa infortuni, un portiere non ha ancora superato la visita medica, Paulinho è out per il crociato, Procaccio è in pratica un “acquisto” di gennaio dopo esser rimasto fermo 4 mesi per frattura del metatarso e diversi altri giocatori colpiti dal Covid, quali ad esempio Litteri (4 gol in 4 partite poi fermo).. Salute e condizione fisica sarebbe l’augurio migliore per poter affrontare la stagione con tutta la rosa disponibile. L’importante essere competitivi con chi è in grado di giocare in attesa del rientro dei compagni».

Arriva la pausa nel momento migliore:
«Quando le cose vanno bene sarebbe meglio proseguire, purtroppo non ci sono state soste quando non vincevamo. Adesso siamo a cinque punti dalla capolista, crediamo ancora di arrivare lassù, mancano due partite alla fine dell’andata e c’è tutto il ritorno. Il campionato è ancora lungo».

Tifosi e la città vogliono la Triestina in serie B:
«La serie B è il sogno di tutti i tifosi e della società. Dopo la ripartenza dall’Eccellenza adesso potevamo essere già in cadetteria ma una partita (Pisa!) ci ha messo i bastoni fra le ruote. Ci mancano i nostri tifosi e a loro manca la squadra e in uno stadio come il nostro, senza la pista di atletica, i supportes si fanno sentire e ne gioverebbe il fattore campo con le tribune piene».

Si vocifera del ritorno della Nazionale al “Rocco”?
«Il presidente Canciani vuole riportare la Nazionale italiana a giocare a Trieste e ne sarei molto contento dopo averla vista a Udine, in uno stadio di proprietà privata, la quale investe per migliorarlo. Intanto abbiamo portato a Trieste gli Europei Under 21 nonché la Juventus sia maschile che femminile».

Un pensiero alle società dilettantistiche:
«Vorrei vedere più squadre regionali in serie D, se lo meritano. In generale il mio auguro a tutte le società del Friuli Venezia Guilia è quello di continuare a far bene, di mantenere gli impegni, pur sapendo gli sforzi dal punto di vista economico».(f.p.)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

https://i.imgur.com/d2mpOCH.jpg


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 09/01/2021
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,06623 secondi