Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Gorizia


IL PUNTO - Il Turriaco testa la "nuova" Aquileia. L'Isonzo al dunque

Ronchi in allarme, la Pro Cervignano (centrocampo da rivedere) in trasferta fa male. In Prima fari puntati anche sulla sfida salvezza tra Sovodnje e Mladost

 

Archiviate le feste, smaltiti cotechini e panettoni, tutti nuovamente in campo per il girone di ritorno. Il richiamo di preparazione, condito da qualche amichevole per tenere il ritmo partita alle volte può nascondere insidie e i pronostici rischiano di finire gambe all’aria. E’ da tripla e tale rimarrà il derby di Promozione B fra Ronchi e Pro Cervignano, due squadre rispettivamente attive in casa e in trasferta con gli amaranto di Franti reduci però da due pareggi consecutivi al “Lucca”, l’ultimo rocambolesco acciuffato per i capelli, e i gialloblù di Pozzar con più punti nel carniere da trasferta rispetto a quello di casa e con l’intento di riscattare il ko subito all’andata al “Pierino Dissabo”.
Pesano  per i friulani le assenze per squalifica di Appio e Gerometta, quindi centrocampo da ricostruire per il trainer della Pro, ma anche il collega ronchigino dovrà trovare il sostituto del centrale difensivo Stradi, anch’esso appiedato dal Giudice sportivo. Parzialmente a disposizione il centrocampista Debianchi, ma dopo due mesi di lavoro otre oceano non può essere impiegato dall’inizio.

Nel girone C di Prima categoria è già una sfida salvezza quella in cui Sovodnje e Mladost si vedono opposte in riva all’Isonzo. Ultima contro penultima e a rimetterci maggiormente, in caso di sconfitta è difficile stabilire chi lo sia: i carsolini rischiano di venir staccati da chi li precede e avvicinati proprio dal Sovodnje che, a sua volta, se perdesse si vedrebbe ampliare il gap negativo sulle dirette antagoniste. Difficile anche la trasferta del Turriaco impegnato a casa di un’Aquileia in debito di ossigeno a cui solo i tre punti la risolleverebbe. Ma prenderli vorrebbe dire battere la squadra di Caiffa (foto), che in trasferta una sola volta ha lasciato l’intera posta all’avversario, segno di una buona capacità organizzativa. Il Turriaco però troverà di fronte una squadra friulana rinforzatasi nella sessione invernale di mercato con gli innesti, oltre al centrocampista Bolzan, ex Pro Rmans e Mariano, anche degli ultimi arrivati Luca Casasola, trequartista dalla Pro Gorizia, ed il mastino difensivo inossidabile Giorgio Riondato, ex Gonars.

Match con comune denominatore ancora il fiume Isonzo, quello di scena a San Pier d’Isonzo dove la truppa di Tomizza ospita l’Isontina. Al netto dei  giochi di parole si affrontano due squadre con umori distanti: i padroni di casa hanno chiuso il 2016 nel peggiore dei modi, con una “manita” di rovesci consecutivi  che se non li ha fatti precipitare in classifica, hanno instaurato una crisi; gli ospiti stanno dando dei segnali di risveglio con i due successi di fila, seppur striminziti ma importanti per risalire la china di una classifica pericolosamente corta nella parte destra.

Claudio Mariani

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 06/01/2017
 

Altri articoli dalla provincia...


































Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,86891 secondi