Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Trieste


PROMO B - Calò parte contro il "suo" Trieste Calcio: "Servono punti"

L'esperto tecnico cerca di tirare fuori dai guai il San Giovanni: "I problemi sono stati provocati dai tanti infortuni. La concorrenza si è rinforzata, ci aspettano mesi assai tosti". Intanto il figlio Giacomo con la Juve Stabia sogna la serie B



Il debutto-bis sulla panchina della prima squadra del San Giovanni porterà Ruggiero Calò a sfidare il suo ex Trieste Calcio – in cui ha militato sia da giocatore che da allenatore – sul rinnovato sintetico di via Petracco nel rione di Borgo San Sergio. “Ho trovato i ragazzi un po' afflitti chiaramente per l'ultimo posto e con tanti infortuni, che sono stati il problema di Lorenzo (Cernuta il suo predecessore, ndr) – spiega lo stesso Calò -. Pian piano qualcuno sta rientrando, ma non è al top e per ritrovare la condizione ci vorranno due o tre partite per loro. C'è subito il derby con il Trieste Calcio, che so che si è completato con i nuovi arrivi. La mia filosofia è fare un punticino in trasferta per poi affrontare un altro scontro diretto come quello con la Valnatisone”.
L'ex difensore centrale dal piede educato aggiunge: “La situazione è complicata tra infortuni e gente che non si allena causa lavoro e questa è stata la sfortuna di Lorenzo. In ogni caso bisogna dare tutto contro il Trieste Calcio come contro il Primorje primo. Ora inizia un altro campionato visto che anche in Friuli si sono rinforzati e ci sarà da lottare fino alla fine. Da noi è arrivato Zacchigna dall'Ufm per l'attacco e non è partito nessuno. Gli elementi buoni ci sono nella nostra rosa. Speriamo bene...”.

Quanto al figlio Giacomo, centrocampista quasi 22enne (22 da compiere il 5 febbraio) della Juve Stabia prima in classifica nel girone C di serie C, papà Ruggiero commenta: “Finora le cose stanno andando bene sia per la squadra sia per Giacomo, che tra l'altro è ripartito giovedì mattina per Castellamare di Stabia. Mi auguro che proseguano così, lui non ha voluto parlare di obiettivi per scaramanzia. Vedremo intanto come andrà la prima il 20 (a Viterbo alle 14.30 con diretta TV di sporteleven, ndr)”.

Massimo Laudani



 


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 11/01/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



















Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,04310 secondi