Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Gorizia


TERENZIANA - I cinque indimenticabili anni di Gregoratti

E' stato il tecnico del rilancio del club di Staranzano, con tanto di scalata fino in Promozione: "Il mio non è un addio ma soltanto un arrivederci"

«Il mio non è un addio, ma soltanto un arrivederci». Con queste parole Stefano Gregoratti si congeda dalla panchina della Terenziana Staranzano, non senza un po' di nostalgia ma con la consapevolezza di aver dato alla società tutto quello che poteva. Sono state cinque stagioni indimenticabili per l'ormai ex tecnico biancorosso, giocate sempre ad alti livelli e con una serie innumerevole di successi e promozioni difficilmente imitabili.
Il suo arrivo a Staranzano è coinciso con la nascita della nuova società e la decisione di Mauro Regolin di prenderne il timone: era la stagione 2015/16 e la storia ripartiva dalla Terza categoria: «Avevo soltanto tre-quattro ragazzi a disposizione - racconta il presidente - poi è arrivato Gregoratti, reduce dalla promozione con il Sistiana, ma in un momento di stand by dopo la nascita della bambina. Con lui la squadra ha iniziato a prender forma, e subito ho capito di avere a che fare con una persona molto decisa e dal grande carattere. Sono stati cinque anni ricchi di soddisfazioni e, anche se mi duole la sua partenza, lo comprendo e lo ringrazio di tutto».
Con Gregoratti il gruppo si è compattato sempre di più prendendo fiducia nelle proprie capacità. Non a caso, ha iniziato una escalation inarrestabile centrando la promozione al primo colpo, andando a vincere i play-off l'anno seguente seppur senza esito, salendo in Prima la stagione successiva e raggiungendo infine l'ambita Promozione, meritatamente conservata quest'anno. «La nostra forza è stata quella di credere nei ragazzi e di farli crescere e maturare di categoria in categoria. Alcuni di loro sono partiti dalla Terza e sono arrivati in Promozione: questo è motivo di orgoglio per me e per loro».
Di successi ce ne sono stati tanti, ma uno in particolare Gregoratti non lo dimenticherà mai: «La vittoria della scorsa stagione con la Maranese nell'ultima partita dei play-off. In campionato non eravamo mai riusciti a batterla, ma quel giorno abbiamo disputato la partita perfetta e abbiamo vinto per 3-1 in casa loro. Una grande emozione».
Sul suo futuro Gregoratti non si pronuncia, ma quasi sicuramente non se ne starà con le mani in mano. In bocca al lupo!

Alessandra Antoni


Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 31/05/2020
 

Altri articoli dalla provincia...






MLADOST - Andrea Cossar al volante

Cambio della guardia ai vertici societari del Mladost con le dimissioni per motivi personali di Nordio Gergolet, al suo posto sullo scranno di comando siede ora ...leggi
02/07/2020





LND - Serie D e C femminile maglie personalizzate

I numeri di maglia personalizzati nei dilettanti sono già autorizzati ma finora si limitavano appunto a mantenere quel determinato numero scelto per tutta la stagione. Dalla prossima, e solo per la serie D, oltre al...leggi
29/06/2020

GRADESE - Novati rimane

Alla Gradese i “mamoli”: è il pensiero del diesse dei lagunari Christian Ghirardo, intento ad organizzare una squadra di una cittadina che vive molto sull’apporto degli sponsor e c...leggi
29/06/2020



IPOTESI 1 - Eccellenza, 20 squadre o due gironi?

Avere un girone unico di 20 squadre è intrigante e molto competitivo, ma allo stesso momento dispendioso in fatto di un maggior numero di gare e relativi costi, considerando anche alcuni turni infrasettimanali. Al momento le indicaz...leggi
28/06/2020




Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,35118 secondi